INSEGNANTI TRASFERITI ANCORA IN PIAZZA

INSEGNANTI TRASFERITI ANCORA IN PIAZZA

Continuano le manifestazioni in tutto il Sud. Lunedì scenderanno in piazza per protestare contro i trasferimenti quasi 8mila docenti che dovrebbero lasciare le loro sedi per una nuova assegnazione decisa dall’algoritmo del Miur. Contro il più grande esodo forzato verso il Nord oltre ai docenti del sud, 5mila siciliani saranno costretti a trasferirsi.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

INSEGNANTI TRASFERITI ANCORA IN PIAZZA –

Insegnanti disperati scendono ancora in piazza. Scenderanno di nuovo in piazza, lunedì prossimo, i docenti neoassunti in ruolo delle regioni del meridione d’Italia. Motivo della protesta: “manifestare contro la ‘Buona scuola’, che sta compiendo il più grande esodo forzato di insegnanti dal Sud al Nord della Penisola”.
Secondo i sindacati, i docenti delle regioni del Sud saranno uniti da diverse manifestazioni di piazza. In Sicilia i manifestanti si raduneranno alle ore 10 davanti la sede della prefettura di Palermo, in via Cavour. Gli insegnanti avvertono che: “Questo sarà il primo vero passo per costruire una federazione delle organizzazioni e dei movimenti spontanei di docenti che a livello locale, su tutto il territorio nazionale, si costituiranno al fine di contrastare le ingiustizie presenti nella 107/2015”.
Inoltre in un comuni9cato evidenziano che “I numeri parlano chiaro: 1.700 insegnati in Puglia, 700 in Basilicata e 5 mila in Sicilia solo per la primaria e la secondaria di primo grado, saranno costretti il primo settembre ad abbandonare la propria terra e i propri affetti per raggiungere le sedi assegnate dall’algoritmo del Miur le cui modalità di incrocio dei punteggi e delle sedi non sono ancora state chiarite”.
Continua la nota che questo sarà: “Un esodo che potrà essere scongiurato con una approfondita verifica delle operazioni legata alla mobilità (con la richiesta di un ritiro dei insegnanti_in_protesta_siciliaprovvedimenti in caso di accertate anomalie e illeciti) e soprattutto con la possibilità di riadeguare le cattedre dell’organico dell’autonomia al fine di fare rientrare in sede tutti i docenti di tutte le fasi interessati dall’esodo e recuperare quel gap storico che vede il Sud penalizzato rispetto Nord”.
Anche l’organizzazione di categoria Anief (Associazione
Nazionale Insegnanti ed Educatori in Formazione),
denuncia la procedura, che prevede l’allocazione degli insegnati anche in sedi molto lontane da quelle della residenza, “è tutta da rivedere”. “Ad un anno di distanza dall’approvazione della riforma, si scopre che il legislatore ha prima illuso, lasciandoli a svolgere l’anno di prova quasi sempre nella propria provincia, e poi costretto tanti insegnanti a spostarsi anche a mille e oltre chilometri da casa”, Marcello Pacifico, presidente Anief, rileva che si tratta “in prevalenza di ultra quarantenni e cinquantenni, che rischiano fortemente da questa estate di essere ‘nominati’ per andare ad insegnare in una delle cento province italiane, anche lontana centinaia di chilometri dai propri cari. I ‘potenziatori’, inoltre, sono destinati ad essere trasferiti di sede ogni triennio o anche prima, senza mai poter avere certezze o stabilità: è un trattamento assurdo, che non viene riservato nemmeno ai militari”.
In merito al problema più volte denunciato dagli insegnanti, i parlamentari di Possibile, che fanno riferimento a Pippo Civati, hanno scritto al ministro dell’Istruzione Stefania Giannini per chiedere “urgenti chiarimenti in merito all’algoritmo che decide la destinazione dei docenti della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado in conseguenza delle operazioni di mobilità per l’anno scolastico 2016/2017”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook