Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ARS, FUMATA NERA SU RIFORMA ELETTORALE

ARS, FUMATA NERA SU RIFORMA ELETTORALE

Il presidente Giovanni Ardizzone fa appello al buon senso, ma in aula resta lo scontro sulla soglia di ballottaggio e sull'innalzamento a 15mila abitanti per il sistema maggioritario. Le divergenze sempre più profonde, si rischia il rinvio.

 

 

ARS, FUMATA NERA SU RIFORMA ELETTORALE –

Ars, fumata nera su riforma elettorale: l’intesa si allontana sempre più. Stamane in aula la riforma della legge elettorale per gli enti locali. dopo l’apertura di stamane alle 11 i lavori d’aula, hanno rischiato di bloccarsi all’articolo 1 del ddl. Sono numerosi i punti della riforma sui quali l’intesa fra le diverse fazioni del parlamento siciliano sembra arduo. In particolare si è discusso sulla soglia di ballottaggio, con il PD fermo sul 40% e altre forze parlamentari che si ritrovano in maggioranza, le quali spingono per il 35%, mentre Forza Italia continua a chiedere di cancellare del tutto il ballottaggio. L’intesa pare allontanarsi, anche sulla possibilità di innalzare da 10 a 15 mila abitanti la soglia di applicazione del sistema maggioritario. Inoltre, a dividere anche la questione della doppia preferenza di genere, con il rischio che un voto segreto in aula possa cancellare la norma.
Il presidente Giovanni Ardizzone, dopo quasi un’ora dall’inizio della seduta ha lanciato un ulteriore appello: “faccio affidamento sull’intelligenza dell’aula” affinchè si smorzino le prese di posizione e si avvii una discussione intelligente e serena. Ma da quel momento in poi le spaccature sono emerse ancora più forti, con il capogruppo Udc Mimmo Turano che ha chiesto di sospendere i lavori, e l’esponente del Movimento 5 Stelle Francesco Cappello che ha ribadito il ‘no’ alla riforma.
Proprio il deputato regionale Cappello  ha detto: “Stiamo discutendo di una legge che ai siciliani non interessa la Sicilia brucia, i rifiuti ci sommergono, e noi siamo qui a discutere di come annullare la democrazia nell’isola”.
Il capogruppo di Forza Italia Marco Falcone nel suo intervento ha sottolineato: “La Sicilia deve affrontare emergenze ben più gravi della riforma elettorale. Basta vedere cosa è successo esaminando l’articolo 1. Ci sono divisioni non solo fra i partiti, ma all’interno degli stessi partiti. Meglio rinviare tutto a settembre”.
Dopo Falcone è intervenuto Toto Cordaro (Pid Grande Sud): “L’intervento di Falcone non era stato concordato con gli alleati. Inizio a pensare che ci sia una strategia trasversale per non fare la legge”.

Presidente Assemblea Regionale Siciliana, Giovanni Ardizzone

Nella foto il Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, Giovanni Ardizzone

Così dopo qualche mese di trattative portate avanti dai rappresentanti dei partiti presenti all’Ars, alla prova d’aula divergenze e tensioni sono emerse in tutta la loro evidenza fra i partiti e all’interno di essi, ora si continuerà fino a prendere le decisioni necessarie.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook