Archiviato in | Cronaca Regionale

RIFIUTI IN SICILIA: CROCETTA REVOCA ALLARME

RIFIUTI IN SICILIA: CROCETTA REVOCA ALLARME

Il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta revoca l’allarme rifiuti in Sicilia. Quindi, la Regione Piemonte non dovrà più accogliere le 15mila tonnellate che aveva accettato di ricevere dall'isola.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

RIFIUTI IN SICILIA: CROCETTA REVOCA ALLARME –

Rifiuti in Sicilia: Crocetta revoca allarme. Non vi sarà alcun conferimento a Torino. L’assessore regionale per l’Ambiente, Alberto Valmaggia, al termine della riunione odierna della giunta piemontese ha comunicato che la Regione Piemonte non dovrà più accogliere i rifiuti della Sicilia. Il ministro Galletti ha riportato la notizia che:” Il governatore Crocetta ci ha detto che ha sospeso la richiesta di emergenza”. Giorni fa, la Regione Piemonte aveva risposto positivamente alla richiesta del governo di gestire una parte dei rifiuti della Sicilia. Dopo aver verificato la disponibilità tecnica per effettuare l’operazione, la governance piemontese, aveva dato la propria disponibilità a riceverne 15 mila tonnellate, suscitando la dura presa di posizione dell’amministrazione 5 stelle del Comune di Torino. Proprio l’assessore per l’Ambiente, Stefania Giannuzzi del Movimento 5 Stelle, in una riunione di Consiglio comunale aveva ribadito: “Abbiamo sostenuto e continuiamo a sostenere che l’inceneritore non sia la soluzione al problema dei rifiuti, ovunque essi siano prodotti. Rimaniamo quindi perplessi e preoccupati”, mentre Chiamparino aveva ribattuto: “Non vedo che differenza possa fare la provenienza geografica di questi rifiuti”. Dopo il dibattito che aveva suscitato l’argomento, oggi la rifiuti_fila_autocompattatorinotizia che, in seguito alla sospensione da parte della Regione Sicilia dello stato di emergenza, il Piemonte non dovrà più accogliere la spazzatura siciliana.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook