Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SEQUESTRATO DEPURATORE DI SANTA MARIA DI LICODIA

SEQUESTRATO DEPURATORE DI SANTA MARIA DI LICODIA

Trovata contaminata l'acqua che poi confluisce nel Simeto, due indagati a Santa Maria di Licodia.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SEQUESTRATO DEPURATORE DI SANTA MARIA DI LICODIA –

simeto_ponte_dei_saraceni

Fiume Simeto – Ponte dei Saraceni

Sequestrato depuratore di Santa Maria di Licodia. Secondo le indagini e le analisi dei tecnici dell’Arpa l’impianto ha gravi carenze. La Procura di Catania ha chiesto e ottenuto dal gip il sequestro dell’impianto di depurazione del comune di Santa Maria di Licodia in provincia di Catania. Nell’acqua scaricata nel vallone Solpa Maneri i valori delle analisi mostrano una presenza abnorme di batteri fecali, azoto ammoniacale, macrodescittori. Le acque trovate inquinate poi confluiscono nel fiume Simeto. Due persone risultano indagate. Secondo la procura, l’impianto che non ha autorizzazione allo scarico, non verrà però fermato perchè i rischi per la popolazione sarebbero più gravi. Il gip ha concesso l’autorizzazione all’uso, ma nominando subito custode il direttore dell’Arpa Catania che dovrà assicurare il funzionamento dell’impianto secondo le norme.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook