Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

LITE, FERMATO L’AGGRESSORE MAROCCHINO

LITE, FERMATO L’AGGRESSORE MAROCCHINO

Violento litigio tra un uomo di 42 anni, di nazionalità marocchina e un connazionale. Il primo, avrebbe ferito gravemente a colpi di forbici il conoscete dopo una violenta lite. L’aggressore è stato individuato dalle tracce di Dna su un sigaro.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

LITE, FERMATO L’AGGRESSORE MAROCCHINO –

Lite, fermato l’aggressore marocchino. Il fatto è successo a Messina. I carabinieri lo hanno fermato con l’accusa di tentativo di omicidio, si tratta di un marocchino Mohamed Mazouz, 42 anni. E’ l’uomo che qualche giorno fa ha colpito alla gola con delle forbici il connazionale Rachid El Quahndani, 31 anni, anch’egli senza fissa dimora. Il luogo della lite è il centro polifunzionale di Maregrosso adibito a dormitorio nel capoluogo peloritano.
Arrivati sul luogo i soccorsi i medici hanno subito constatato che le condizioni della vittima erano molto gravi e l’immediato intervento da parte dei sanitari del 118 gli ha salvato la vita. Il ferito è stato subito trasportato al Policlinico, dove è stato sottoposto d’urgenza a un delicato intervento di chirurgia vascolare e toracica per fermare l’emorragia. Subito dopo è stato trasferito all’ospedale “Papardo”, dove si trova ricoverato in prognosi riservata nel reparto di Rianimazione. Le sue condizioni, per quanto stabili, sono ancora molto gravi ed è resta in pericolo di vita. Dopo l’aggressione sono scattate subito le indagini durante le quali, i militari sono riusciti a risalire a Mazouz. Gli indizi che hanno permesso l’identificazione sono stati il suo cellulare e un sigaro fumato a metà, dove sono state trovate le sue tracce biologiche. Nel corso dell’interrogatorio,carabinieri notte Mazouz, ha confessato di aver colpito il connazionale. Ha inoltre riferito che con lui, litigava spesso per futili motivi e per difendersi dall’aggressione ha sferrato i fendenti con la forbice.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook