DIFESA DEL GRANO, TRATTORI IN MARCIA VERSO PALERMO

DIFESA DEL GRANO, TRATTORI IN MARCIA VERSO PALERMO

Coldiretti Sicilia si mobilita e manifesta con un corteo in difesa del grano. La lotta è contro le speculazioni del settore e per la tutela del lavoro. Trattori in marcia verso Palermo.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

DIFESA DEL GRANO, TRATTORI IN MARCIA VERSO PALERMO –

Difesa del grano, trattori in marcia verso Palermo.  Anche in Sicilia, oggi, Coldiretti si mobilita a difesa del grano nazionale. Stamane è partito un corteo che si snoderà da piazza Castelnuovo (Politeama) in direzione di piazza Indipendenza.
Nella nota è specificato che: “Le speculazioni hanno praticamente dimezzato le quotazioni su valori più bassi di 30 anni fa con la perdita di centinaia di migliaia di posti di lavoro e il rischio desertificazione per quasi 2 milioni di ettari, il 15% della superficie agricola nazionale, che si trovano peraltro soprattutto nelle aree più difficili del Paese”.
Secondo Coldiretti: “Il grano italiano è stato colpito da una speculazione da 700 milioni di euro, a tanto ammontano infatti le perdite subite dagli agricoltori italiani per il crollo dei prezzi rispetto allo scorso anno.
È quanto emerge dall’analisi della Coldiretti #laguerradelgrano diffusa in occasione della maximobilitazione organizzata in varie città d’Italia con migliaia di agricoltori e trattori al seguito. I produttori si sono radunati a Palermo, Termoli, Potenza e Bari dove è presente anche il presidente nazionale Roberto Moncalvo.
Nel giro di un anno le quotazioni del grano duro destinato alla pasta hanno perso il 43 per cento del valore, mentre si registra un calo del 19 per cento del prezzo del grano tenero destinato alla panificazione. Un crack senza precedenti – denuncia Coldiretti – con i compensi degli agricoltori che sono tornati ai livelli di 30 anni fa, a causa delle manovre di chi fa acquisti speculativi sui mercati esteri di grano da “spacciare” come pasta o pane Made in Italy, per la mancanza dell’obbligo di indicare in etichetta la reale origine del grano impiegato. E, con la crisi del grano, in Italia si rischiano di perdere trecentomila posti di lavoro.
Conclude la nota di Coldiretti: “Non è un caso se nei primi quattro mesi del 2016 gli arrivi di grano in Italia sono aumentati del 10 per cento, finalizzati soprattutto ad abbattere il prezzo di mercato nazionale attraverso un eccesso di offerta. Oggi il grano duro per la pasta viene pagato anche 18 centesimi al chilo, mentre quello tenero per il pane è sceso addirittura a 16 centesimi al chilo”.trattori_coldiretti_pa
Il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo  sottolinea: “Per restituire un futuro al grano italiano occorre l’indicazione in etichetta dell’origine del grano utilizzato nella pasta e nei derivati/trasformati ma anche l’indicazione della data di raccolta (anno di produzione) del grano, assieme al divieto di utilizzare grano extra comunitario oltre i 18 mesi dalla data di raccolta. Ma serve anche fermare le importazioni selvagge a dazio zero”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook