Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CONDOTTA QUASI PRONTA, ENTRO VENERDÌ TUTTO OK

CONDOTTA QUASI PRONTA, ENTRO VENERDÌ TUTTO OK

Continuano incessanti i lavori a Calatabiano, intanto, il bypass della condotta di Fiumefreddo è stato già ripristinato a metà e l'erogazione idrica si avvia alla normalità. Si indaga sulla natura dolosa dell'incendio, la Procura di Catania ha aperto un'inchiesta. L'Amam in una nota afferma che: "Entro venerdì sarà tutto in regola".

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CONDOTTA QUASI PRONTA, ENTRO VENERDÌ TUTTO OK –

Riparata parte della condotta, entro venerdì tutto ok. I tecnici dell’Amam, l’azienda meridionale acque Messina, sono a lavoro per ripristinare la condotta che si è guastata dopo l’incendio che si è verificato qualche giorno fa. Ieri, gli operai ormai hanno ripristinato due dei quattro tubi del bypass della rete dell’Acquedotto Fiumefreddo che si trova a Calatabiano in provincia di Catania. Intanto, l’erogazione idrica sta lentamente tornando alla normalità in alcune zone di Messina.
Il flusso di acqua convogliato sulla rete raggiungerà così i 600 litri al secondo, rispetto ai 900 che rappresentano la normalità, grazie anche ai collegamenti con gli altri due acquedotti della Santissina, dell’Alcantara e ai pozzi cittadini. Le altre due tubature del bypass, secondo quanto riferito dal presidente dell’Amam Leonardo Termini, “dovrebbero essere riparate entro venerdì”. Si prevede che l’acqua arriverà anche nelle zone alte e nelle aree periferiche rimaste senza acqua per due giorni.
Renato Accorinti, sindaco di Messina in una sua dichiarazione si ritiene: “soddisfatto della celerità con la quale hanno lavorato i tecnici che in 48 ore sono riusciti a ripristinare la funzionalità dei primi tubi”, evitando così che si ripetesse l’emergenza avvenuta ad ottobre quando la città peloritana rimase addirittura per 18 giorni senza acqua. Proprio allora era stato realizzato il bypass che è stato incendiato nei giorni scorsi interrompendo di nuovo l’afflusso di acqua.
il sindaco Accorinti e l’azienda Meridionale acque hanno reso noto che chiederanno alla Regione e alla Protezione Civile di rendere disponibili le somme e previste di circa 4 mln di euro per i lavori definitivi della condotta che dovrebbero rappresentare una maggiore sicurezza per l’impianto.
Dopo l’incendio che ha determinato il guasto del bypass di Calatabiano, la magistratura sta cercando di condotta_idrica_calatabiano_lavoriaccertare le cause che secondo i carabinieri dovrebbero essere di natura dolosa in considerazione anche dell’orario del rogo che si è verificato poco prima delle ore 5 del mattino nonostante la quasi assenza di vegetazione. La denuncia del comune e della società Amam, la Procura di Catania ha aperto un facicolo per appurare eventuali responsabilità.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook