RIFIUTI IN SICILIA, RAPPORTO SHOCK DELLA COMMISSIONE

RIFIUTI IN SICILIA, RAPPORTO SHOCK DELLA COMMISSIONE

Una relazione di 400 pagine della commissione parlamentare d'inchiesta, evidenzia anche un diffuso sistema clientelare. I deputati regionali del M5s: "Mafia e corruzione: ora tutti a casa".

Print Friendly, PDF & Email

 

 

RIFIUTI IN SICILIA, RAPPORTO SHOCK DELLA COMMISSIONE –

Rifiuti in Sicilia, Rapporto shock della commissione. Sono quasi 400 pagine il rapporto che descrive il ciclo rifiuti “e tutto l’orrore che ci sta dietro: la capacità d’infiltrazione della mafia, la corruzione negli apparati amministrativi e il ricorso massiccio al sistema delle discariche”.
Il documento racconta del “continuo stato di emergenza dovuto a situazioni storiche ma ancora attuali come il perdurare della capacità d’infiltrazione nel sistema da parte di Cosa nostra, una diffusa e penetrante corruzione negli apparati amministrativi e il ricorso massiccio al sistema delle discariche”.
La relazione ricostruisce la: “presenza di un sistema di illegalità diffuso e radicato che costituisce uno dei veri ostacoli a un’autentica risoluzione delle problematiche esistenti ormai da decenni”.
Il rapporto si sofferma nell’analisi di un sistema clientelare dilagante. La commissione denuncia affidamenti di incarichi in posti cruciali, decisionali o di controllo, e specifica: “effettuati senza tenere in alcun conto le competenze e le professionalità, sulla base di logiche evidentemente estranee al buon andamento della pubblica amministrazione”.
Inoltre, nella relazione si parla a lungo delle immancabili infiltrazioni della criminalità organizzata attraverso il controllo degli appalti e delle attività accessorie, come il trasporto, il servizio di manutenzioni dei mezzi, lo smaltimento dei rifiuti, nonché la fornitura dei mezzi medesimi.
I portavoce del Movimento 5 stelle intimano al governo regionale: “Tutti a casa, Crocetta ha fallito aggravando la situazione”. E poi continuano: “il ritratto scandaloso che emerge dalla relazione shock appena pubblicata dalla commissione parlamentare d’inchiesta alla Camera, che riguarda l’intero sistema di gestione dei rifiuti nella nostra regione”.
La relazione della commissione Ecomafie, presieduta da Alessandro Bratti, dopo un’attività d’indagine parlamentare durata circa un anno rileva: “Prima ancora che l’ambiente, a essere inquinato è l’intero sistema di gestione dei rifiuti nella regione”.
Angela Foti, capogruppo del M5s all’Ars interviene nel merito: “Tutto ciò che abbiamo denunciato e su cui lavoriamo da anni attraverso numerosi atti parlamentari ed esposti alla Procura e alla Corte dei conti, si materializza nell’ennesima relazione scandalosa. Se questo governo avesse un minimo di decenza, dovrebbe solo dimettersi. Dopo circa quattro anni Crocetta e compagni di avventura hanno di fatto aggravato la situazione RIFIUTI_CAMIONprogrammando solo caos. La Sicilia non può rimanere sotto sequestro ancora a lungo, vadano tutti a casa”.
Giampiero Trizzino, deputato regionale del M5s: “non è bastato l’ennesimo commissariamento per sanare l’emergenza rifiuti. Il governo centrale prenda atto del fallimento di Crocetta e della sua giunta. A più di un mese dall’ultima ordinanza niente sembra essere stato fatto. I Comuni sono al collasso per mancanza di programmazione, nonché degli impianti necessari ad accogliere il materiale riciclabile e quello indifferenziato”.
La deputata del M5s alla Camera Claudia Mannino e l’europarlamentare Ignazio Corrao spiegano che:“Da tre anni monitoriamo e studiamo l’inattività della Regione, a nostro avviso voluta”. E continuano: “Abbiamo segnalato il nostro punto di vista e spesso anche il punto di vista delle norme e delle direttive, con puntuali segnalazioni a tutti gli organi coinvolti: Commissione europea, assessorato regionale, ministro dell’Ambiente, commissione bicamerale d’inchiesta, Anac, Corte dei conti ed anche Procura. Ci auguriamo adesso che ognuno faccia la sua parte, nessuno può più dire di non sapere”.
I commissari hanno evidenziato come: “questa pesante eredità non è stata superata dall’attuale presidente della Regione, tant’è che oggi molti territori siciliani sono invasi dal pattume”.
Per i cinquestelle, la soluzione, potrebbe essere quella di: “spedire i rifiuti, nel medio periodo, fuori dalla Regione, e avviare immediatamente le gare per le piattaforme di recupero e l’adeguamento delle discariche alle prescrizioni europee”.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook