Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MILLE MIGRANTI SOCCORSI NEL CANALE DI SICILIA

MILLE MIGRANTI SOCCORSI NEL CANALE DI SICILIA

Nelle ultime 24 ore sono stati numerosi gli interventi a largo del canale di Sicilia. Tratti in salvo migranti che erano a bordo di alcuni gommoni in difficoltà.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MILLE MIGRANTI SOCCORSI NEL CANALE DI SICILIA –

Mille migranti soccorsi nel Canale di Sicilia. Alle prime luci dell’alba sono stati soccorsi più di mille migranti. Il salvataggio è avvenuto nel canale di Sicilia dalle navi della Marina Militare, impegnate nell’operazione Mare Sicuro. Tre le unità impegnate: il pattugliatore Borsini, la fregata Grecale e l’unità fremm Margottini.
La nave Borsini ha già recuperato circa 400 migranti che navigavano a bordo di un barcone. Inoltre sta soccorrendo un gommone con circa 120 persone. Mentre la Grecale ha tratto in salvo da un altro gommone, 120 migranti che sono già a bordo. La Margottini è in fase di salvataggio e sta soccorrendo circa 450 persone che si migranti_Canale_di_Siciliatrovavano su quattro gommoni. Altri interventi di soccorso sono in corso da unità navali in missione europea attiva al largo della Libia inserite nel dispositivo Eunavformed.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook