Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

OMICIDIO LORIS, DIFESA: “LORIS UCCISO DA UN CAVO USB”

OMICIDIO LORIS, DIFESA: “LORIS UCCISO DA UN CAVO USB”

Continua il processo a Veronica Panarello madre del piccolo Loris accusata dell’omicidio del figlio. Secondo la difesa per uccidere: "Non sono state usate le fascette elettriche".

Print Friendly, PDF & Email

 

 

OMICIDIO LORIS, DIFESA: “LORIS UCCISO DA UN CAVO USB” –

Omicidio Loris, la difesa: “Loris ucciso da un cavo Usb”. Nuova udienza del processo a Veronica Panarello. La donna è accusata di aver ucciso e occultato il cadavere del figlio Loris con delle fascette elettriche. L’udienza è stata rappresentata dalla contestazione del collegio di difesa proprio sull’arma del delitto o sullo strumento utilizzato per uccidere il bambino di Santa Croce Camerina.
Secondo il legale della mamma, Francesco Villardita, sarebbe stato un cavo Usb a uccidere il bimbo. Invece, la perizia del medico legale Giuseppe Iuvara attesta che sarebbero state usate le fascette poi consegnate da Veronica Panarello alle insegnanti di Loris che le vennero a fare visita di cordoglio.
La tesi della difesa è sostenuta da una consulenza medico-legale e bio-ingegneristica accompagnata da fotografie e da indagini con manichini biomedici depositata oggi che ha come obiettivo dimostrare la compatibilità della fascetta Usb con il solco lasciato sul collo del bambino.
Dopo il deposito della perizia di parte, l’udienza è stata rinviata al 26 settembre. Durante la villardita_francescoprossima si ascolterà la deposizione dell’imputata che ha chiesto di rendere dichiarazioni spontanee riguardante il coinvolgimento nell’omicidio del suocero Andrea Stival.
Intanto sono state calendarizzate altre udienze del processo nelle date 3, 5 e 7 ottobre, che comincieranno a entrare nella fase decisiva.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook