Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

RELAZIONE CON ALTRO RAGAZZO, MINORENNE PESTATA

RELAZIONE CON ALTRO RAGAZZO, MINORENNE PESTATA

Sedicenne picchiata da padre e convivente di lei per una presunta relazione con un altro ragazzo. Il fatto è successo a Motta Sant'Anastasia in provincia di Catania. La ragazza che è minorenne e madre di una bimba di 5 mesi, è stata punita con pugni e schiaffi. E' riuscita a scappare e chiudersi in bagno e chiamare i soccorsi.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

RELAZIONE CON ALTRO RAGAZZO, MINORENNE PESTATA –

Relazione con altro ragazzo, minorenne pestata a sangue. Carabinieri della Stazione di Motta Sant’Anastasia (Ct) hanno arrestato, nella flagranza di reato, un pregiudicato di 35 anni e un 21enne, per aver procurato lesioni aggravate in concorso, nei confronti di una sedicenne, che è la figlia del primo ed è convivente del secondo, dal quale ha avuto una figlia che ha 5 mesi.
Il convivente della minorenne, dopo averla accusata di avere una relazione con un altro ragazzo, e avvertito il padre della ragazza che è arrivato in casa proprio per punire la figlia per la “malefatta”, ha iniziato a percuoterla. In pochi minuti sono volati pugni e schiaffi da ambedue gli uomini trasformandole il volto in una maschera di sangue. Pronta la reazione della ragazza che si è barricata in bagno, chiedendo aiuto al 112. Intanto, il padre tentava di sfondare la porta. Nel contempo è arrivata sul posto una pattuglia della Stazione dall’Arma che, entrati nell’appartamento, hanno fermato gli aggressori e liberato la vittima.
La minorenne ha affidato la figlioletta alla propria madre e poi è stata immediatamente accompagnata al pronto soccorso dell’Ospedale SS. Salvatore di Paternò. I sanitari le hanno carabinieri_ambulanzariscontrato una: “minima diastasi dell’articolazione alla base delle ossa proprie del naso, ferite escoriate al collo e al viso”, con una prognosi di 25 giorni. La sedicenne è rimasta ricoverata sotto osservazione per ulteriori esami specialistici. I due aggressori sono stati giudicati per direttissima. Il giudice ha disposto gli arresti domiciliari per il padre e l’allontanamento immediato del convivente dalla casa della ragazza con divieto assoluto di avvicinamento alla sedicenne.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook