Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

BLITZ ANTIMAFIA IN PROVINCIA DI AGRIGENTO, 13 ARRESTI

BLITZ ANTIMAFIA IN PROVINCIA DI AGRIGENTO, 13 ARRESTI

Operazione antimafia in provincia di Agrigento, catturate 8 persone tra Menfi e Sciacca, tra Camastra e Canicattì altre 5 persone fermate. Gli investigatori ricostruiscono l'attività delle cosche nella Valle del Belice.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

BLITZ ANTIMAFIA IN PROVINCIA DI AGRIGENTO, 13 ARRESTI –

Blitz antimafia nell’Agrigentino, 13 arresti.  I carabinieri della compagnia di Sciacca effettuano nella Valle del Belice una maxi operazione antimafia. I militari dell’Arma hanno bloccato otto persone tutte accusate di associazione mafiosa, che farebbero parte della famiglia di Menfi al cui vertice Vito Bucceri, 44 anni, anche lui tra i fermati. La Direzione distrettuale antimafia di Palermo ha condotto l’inchiesta che è stata coordinata dal Procuratore Francesco Lo Voi, dall’aggiunto Maurizio Scalia e dai Pm Alessia Sinatra e Claudio Camilleri.
L’operazione, è stata denominata in codice “Opuntia” dal nome di una pianta spinosa molto diffusa nella zona. L’indagine ha messo a fuoco le attività delle cosche nella Valle del Belice, uno dei mandamenti strategici di Cosa nostra al confine tra le province di Agrigento, Trapani e Palermo.
Nel corso degli accertamenti, sono venuti fuori gli stretti contatti tra la famiglia di Menfi ed esponenti mafiosi di vertice come Leo Sutera di Sambuca, detto il professore, indicato dagli inquirenti come il capo della provincia di Agrigento tra il 2010 e il 2012, il boss di Santa Margherita Belice Pietro Campo e Domenico Friscia di Sciacca.
Gli investigatori hanno documentato incontri e riunioni che avvenivano all’interno di auto o in casolari di campagna per eludere le intercettazioni. Tra i fermati figura anche un medico di base, Pellegrino Scirica, di 61 anni, che avrebbe messo a disposizione il proprio studio professionale per lo svolgimento di incontri riservati tra i componenti della cosca.
Le persone arrestate sono: Vito Bucceri, inteso “Bucittuni”, 44 anni, ritenuto il capo della locale famiglia mafiosa; Pellegrino Scirica, 61 anni , medico di base, Tommaso Gulotta, 51 anni; Matteo Mistretta, 31 anni; Vito Riggio, 47 anni; Giuseppe Alesi, 46 anni, e Cosimo Alesi di 51 anni. Tutti di Menfi. Sottoposto a fermo anche Domenico Friscia, 53 anni, di Sciacca. Bucceri, che viene ritenuto dai carabinieri e dalla Dda al vertice della famiglia di Menfi, si avvaleva, secondo l’accusa, di un collaudato e fedele numero di collaboratori in grado di costruirgli attorno un circuito relazionale che tentava di blindarlo evitando le indagini.
Nella ricostruzione dei carabinieri viene fuori che: “Scirica, medico di base non esitava a mettere a disposizione il proprio studio professionale per lo svolgimento di incontri riservati tra i componenti del gruppo, così consentendo la veicolazione di messaggi e indicazioni tra i componenti del gruppo e altri esponenti di famiglie mafiose dei territori limitrofi”. Inoltre, emesse altre cinque ordinanze di custodia cautelare con l’accusa di associazione mafiosa, estorsione, danneggiamenti a mezzo incendio, detenzione illegale di armi comuni da sparo e da guerra sono state eseguite dalla squadra mobile di Agrigento. I provvedimenti sono stati firmati dal Gip Giuliano Castiglia e richiesti dalla Dda di Palermo. Quattro persone sono finite in manette e unablitz_antimafia_opuntia_carabinieri_agrigentino_ posta ai domiciliari. Tra destinatari delle 5 ordinanze di custodia cautelare spiccano: Calogero Di Caro, ritenuto il capo mandamento di Canicattì (Ag); Rosario Meli e il figlio Vincenzo di Camastra (Ag). L’inchiesta è stata condotta dai pm della Dda Ravaglioli, Sinatra e Maligno. Le indagini della Polizia di stato hanno ricostruito attività illecite e una serie di reati commessi fra Camastra e Canicattì, “permettendo la cattura di elementi di spicco delle locali consorterie”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook