Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

BANCAROTTA “GEO AMBIENTE”, TRE ARRESTI

BANCAROTTA “GEO AMBIENTE”, TRE ARRESTI

La “Geo Ambiente” in amministrazione straordinaria era stata dichiarata insolvente nel 2014 con un passivo di circa 40 milioni di euro. Sequestrati beni per 2 milioni e mezzo di euro. Misure cautelari personali a tre persone per il reato di bancarotta fraudolenta connesso al fallimento.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

BANCAROTTA “GEO AMBIENTE”, TRE ARRESTI –

Bancarotta “Geo Ambiente”, tre arresti. I militari della guardia di finanza di Catania, diretta dal colonnello Roberto Manna, questa mattina hanno eseguito misure cautelari personali a 3 persone per il reato di bancarotta fraudolenta connesso al fallimento “Geo Ambiente S.r.l.”. Nel contempo è in corso il sequestro di beni e disponibilità finanziarie per oltre 2,5 milioni di euro.
La società, specializzata nella raccolta di rifiuti, oggi, si trova in amministrazione straordinaria, e dichiarata insolvente nel 2014 con un passivo di circa 40 milioni di euro.
Sono stati arrestati: Giuseppe Guglielmino, 42 anni, formalmente sorvegliante del cantiere, ma indicato come amministratore di fatto della Geo Ambiente, la moglie Catia Maria Caruso, 34 anni, e il nipote di quest’ultima Biagio Caruso, 25 anni, formali amministratori dell’azienda. Catia Maria e il nipote Biagio sono stati posti ai domiciliari. Sono indagati per bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale, per aver distratto e occultato beni e denaro dalle casse della società.
Le misure cautelari e il sequestro di beni per oltre 2,5 milioni sono stati eseguiti dalla guardia di finanza di Catania nell’ambito di un’inchiesta per bancarotta fraudolenta connessa al fallimento di Geo Ambiente Srl, società, in amministrazione straordinaria, dichiarata insolvente nel 2014 con un passivo di circa 40 milioni di euro.
Il Gip ha anche disposto per il commercialista Santo Ranno la temporanea sospensione dall’esercizio della funzione di “attestatore”, figura prevista dalla legge fallimentare perché, secondo l’accusa, avrebbe falsamente certificato, nell’ambito della procedura per accedere al concordato preventivo, l’ammontare dei debiti tributari della società. Le fiamme gialle hanno eseguito anche il sequestro preventivo, nei confronti dei tre principali indagati, di 2,6 milioni di euro, pari all’ammontare delle somme che, secondo la Procura di Catania, sarebbero state distratte.
Nel marzo 2014 sono iniziate le indagini dopo la dichiarazione da parte del Tribunale di Catania dello stato d’insolvenza della società, oggi in amministrazione straordinaria, con debiti accertati per oltre 40 milioni di euro, di cui 31 nei confronti dell’Erario. Gli investigatori avrebbero appurato che la società, per effetto delle ingenti perdite accumulate, non avrebbe dovuto più operare già dal 2008. Secondo la Procura sono state numerose le operazioni effettuate a partire da quell’anno che, in base agli accertamentigeo_ambiente_bancarotta_arrestati svolti, hanno contribuito ad aggravare lo stato di dissesto della società. Gli accertamenti cono stati coordinati dal sostituto Fabio Regolo del gruppo per i “reati contro l’economia” della Procura Distrettuale di Catania, diretta da Carmelo Zuccaro, ed effettuate dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Catania.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook