Archiviato in | Cronaca Regionale

MAFIA CONTROLLAVA APPALTI DI EXPO

MAFIA CONTROLLAVA APPALTI DI EXPO

L'inchiesta ha focalizzato un consorzio siciliano specializzato nell'allestimento di stand che ha operato anche per la Fiera di Milano. Undici arresti. Intercettati 400mila euro su tir diretto nell'Isola. Fava: "Preoccupazioni confermate".

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MAFIA CONTROLLAVA APPALTI DI EXPO –

Mafia controllava appalti di Expo. Arrestate questa mattina, 11 persone, tra cui un avvocato, nell’inchiesta della Dda di Milano contro reati tributari, riciclaggio e associazione per delinquere con l’aggravante della finalità mafiosa. Agli arrestati erano riconducibili alcune aziende a cui erano stati affidati appalti per l’Expo.
Focus dell’inchiesta il consorzio di cooperative Dominus Scarl specializzato nell’allestimento di stand. Quest’ultimo ha lavorato per la Fiera di Milano dalla quale ha ricevuto in subappalto l’incarico di realizzare alcuni padiglioni per Expo tra cui quello della Francia e Guinea equatoriale.
Le indagini coordinate dal procuratore aggiunto Ilda Boccassini hanno messo a fuoco che le società del consorzio erano intestate a prestanomi di Giuseppe Nastasi. Quest’ultimo risulta essere il principale indagato, arrestato con il suo collaboratore Liborio Pace e l’avvocato del Foro di Caltanissetta, Danilo Tipo, ex presidente della Camera penale della città siciliana.
Claudio Fava, vicepresidente della Commissione parlamentare antimafia, afferma: “L’inchiesta della Procura di Milano sull’Expo conferma tutte le nostre preoccupazioni sulla forza corruttiva della mafia e sulla rete di insospettabili complicità che fiancheggiano e proteggono le cosche. Non esiste una zona grigia: la terra di confine tra mafie, professionisti e istituzioni è ormai una zona nera, collusa, impunita”.
Le aziende coinvolte si avvalevano di fatture false per creare fondi occulti. Il denaro ricavato veniva riciclato in Sicilia dove gli indagati avevano legami con la famiglia di Cosa nostra dei Pietraperzia.expo_milano
Nell’ambito dell’operazione è stato intercettato anche un camion partito dalla Lombardia e diretto in Sicilia all’interno del quale sono stati trovati, 400 mila euro in contanti ben nascosti all’interno del mezzo. Il tir era guidato da Pace. Il Gico della guardia di finanza ha effettuato un sequestro preventivo per circa cinque milioni di euro.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook