LAVORATORI AMT IN SCIOPERO A CATANIA

LAVORATORI AMT IN SCIOPERO A CATANIA

Lo sciopero in atto dei lavoratori Amt è stato organizzato dagli autonomi di Fast - Confsal e Faisa Cisal. I sindacati, Fast Confsal e Faisa Cisal hanno chiesto al prefetto di farsi tramite con l'amministrazione comunale perché liquidi alcune somme dovute all’azienda.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

LAVORATORI AMT IN SCIOPERO A CATANIA –

Lavoratori Amt in sciopero a Catania. In piazza i dipendenti dell’Azienda Metropolitana Trasporti per difendere i loro diritti che sembrano a rischio esattamente come il futuro dell’azienda. Tagli, mancati pagamenti, difficoltà economiche sembrerebbero ormai all’ordine del giorno per la categoria che sconta la crisi finanziaria dell’Azienda metropolitana trasporti.
L’adesione risulta essere compatta e numeroso è il personale nonostante non abbiano aderito Cgil, Cisl, Uil e Ugl. Lo sciopero in atto dei lavoratori Amt è stato organizzato dagli autonomi di Fast – Confsal e Faisa Cisal. Da stamane in città, sono in giro pochissimi autobus. Secondo i sindacati solo due mezzi, nonostante le prese di posizione dei colleghi, i dipendenti hanno aderita in massa. Presente alla manifestazione di oggi anche il consigliere comunale Manlio Messina (Fratelli d’Italia) che torna a chiedere le dimissioni dei vertici aziendali, come del sindaco Bianco.
Come dicono i lavoratori, a preoccupare, in particolare gli autisti sono le condizioni dei mezzi e, in generale, quelle della sicurezza, che risulta essere precaria. Tutti problemi che esistono da tempo e venuti fuori di colpo in questi ultimi mesi, con la crisi di liquidità dell’Amt che vanta milioni di credito da Comune e Regione e che tardano ad arrivare, mettendo in seria crisi personale e azienda.
I sindacati hanno chiesto al Prefetto di far da tramite con l’amministrazione comunale perché liquidi alcune somme dovute. Solo con l’erogazione delle spettanze dovute alla società si permetterà di amt_catania_bus_protesta_lavoratorimantenere il servizio pubblico, attualmente ridotto a un disservizio e ai dipendenti di affrontare con serenità presente e futuro. Giovanni Lo Schiavo, rappresentante della Fast – Confsal evidenzia che: “La Prefettura ha preso l’impegno di scrivere al sindaco e avere una risposta formale. Noi abbiano detto che siamo pronti a continuare la protesta se non otterremo risposte entro il 25 luglio”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook