Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TRAFFICO MIGRANTI, ORRENDE RIVELAZIONI DI UN PENTITO

TRAFFICO MIGRANTI, ORRENDE RIVELAZIONI DI UN PENTITO

Per fare arrivare i profughi in Italia inscenavano falsi ricongiungimenti familiari finti matrimoni. Uno dei covi era un bar di Palermo. Un pentito: "Uccidevano chi non aveva i soldi per il viaggio ed espiantati organi a chi non pagava". La polizia di Stato ha effettuato trentotto arresti in tutta Italia.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

TRAFFICO MIGRANTI, ORRENDE RIVELAZIONI DI UN PENTITO –

Traffico migranti, orrende rivelazioni di un pentito. Durante le indagini, svolte dalle squadre mobili di Palermo e Agrigento e dal Servizio centrale operativo, è stata ricostruita la struttura organizzativa di un pericoloso network criminale. Sono stati individuati ingenti flussi di denaro, provento del traffico di migranti. Inoltre, è stata individuata la centrale romana delle transazioni finanziarie effettuate tramite ‘hawala’ (il trasferimento di fondi senza movimentazione fisica dei capitali).
La sede dei trafficanti era una profumeria di Roma che si trova nei pressi della stazione Termini. È in questa sede, secondo gli inquirenti della Dda di Palermo che confluiva il flusso di denaro derivante dagli sbarchi di migranti. La maxi operazione è stata coordinata dal Procuratore Francesco Lo Voi, durante la quale, sono stati sequestrati diversi esercizi commerciali, ma anche quote societarie e la stessa profumeria romana.
Durante le perquisizioni avvenute il 13 giugno, all’interno degli esercizi commerciali sono stati sequestrati, 526mila euro e 25mila dollari in contanti. Trovato un elemento importante ai fini delle indagini: un vero e proprio ‘libro mastro’ contenente diversi nominativi. Un altro riferimento per i trafficanti era un bar di Palermo.
migranti_traffico_extracomunitariI malviventi, per fare arrivare in Italia i migranti, non usavano solo i barconi, ma inscenavano finti matrimoni con finti ricongiungimenti familiari. Il tutto in cambio di molto denaro. Questi alcuni dei retroscena che sono emersi dall’operazione ‘Glauco 3’ che alle prime luci di oggi ha convalidato il fermo di 38 persone in tutta Italia. I finti matrimoni venivano inscenati con cittadini compiacenti e permettevano ai trafficanti di uomini di fare arrivare i migranti dal centro Africa fino al Nord Europa.
E’ emerso, inoltre, che i principali indagati gestivano anche una fiorente attività di traffico internazionale di stupefacente del tipo “catha”, droga importata dall’Etiopia, inserita per la legislazione italiana tra le droghe pesanti.
Elemento terrificante risulta essere la rivelazione che chi non pagava per affrontare il viaggio in barca per l’Italia veniva venduto e poi ucciso, con l’intento di prelevare gli organi e gli organi venduti ad alcuni mercanti d’organi egiziani per 15mila dollari opportunamente attrezzati per espiantare l’organo e trasportarlo in borse termiche”. A raccontare i particolari agghiaccianti di questo presunto traffico di organi un collaboratore di giustizia che già nell’operazione ‘Glauco 2’, aveva fatto arrestare 24 persone e aveva aiutato i magistrati di Palermo a scoprire un traffico di esseri umani. L’indagine è coordinata dal Procuratore aggiunto Maurizio Scalia e dai pm Gery Ferrara, Claudio Camilleri e Annamaria Picozzi.
Il pentito si chiama Nuredin Wehabrebi Atta, 32 anni, un trafficante eritreo arrestato nel migranti_gommone2015. Poco tempo dopo l’arresto aveva deciso di collaborare e raccontare il funzionamento del traffico di esseri umani. L’uomo aveva messo a verbale: “Ho deciso di collaborare perché ci sono stati troppi morti e in particolare quelli di Lampedusa del 3 ottobre 2013, su cui io non c’entro nulla e anche numerosi altri. Anzi preciso che i morti di cui si viene a conoscenza sono una minima parte tant’è che in Eritrea otto famiglie su dieci hanno avuto delle vittime dovute ai viaggi dei migranti”.
Sempre il pentito, aveva inoltre dato una mano agli inquirenti a indagare sul naufragio del 2013 costato la vita a 366 persone. Collaborò anche nell’operazione ‘Glauco 1’, del giugno 2014, tant’è che la Polizia di Stato di Palermo ricostruì con il suo aiuto rotte e percorsi intermedi intrapresi dai migranti nei loro viaggi della speranza.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook