CRISI AMT CATANIA: SCIOPERO IL 5 LUGLIO

CRISI AMT CATANIA: SCIOPERO IL 5 LUGLIO

Senza stipendi e con autobus obsoleti i lavoratori attendono il denaro della Regione che non arriva. I sindacati etnei indicono uno sciopero martedì 5 luglio. In una nota lo sfogo dei dipendenti: "Viviamo alla giornata, costretti a lavorare su mezzi senza nemmeno l'aria condizionata. Sciopero generale il 5 luglio, i cittadini si uniscano al corteo".

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CRISI AMT CATANIA: SCIOPERO IL 5 LUGLIO –

Crisi Amt Catania: Sciopero generale il 5 luglio. Senza stipendi e con autobus obsoleti i lavoratori apettano i soldi della Regione. La mensilità di giugno ancora non è stata liquidata e i lavoratori dell’Amt di Catania sono in agitazione. La mensilità per il momento non è disponibile, perché l’azienda non ha denaro in cassa per poter erogare gli emolumenti agli oltre 700 dipendenti. Stamane, giorno di paga è quanto si apprende dai vertici aziendali che hanno reso nota la difficoltà di procedere con la corresponsione delle spettanze, in quanto si è ancora in attesa del trasferimento di somme da parte del Comune. Una decisione che non coglie di certo di sorpresa le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl, Uil e Ugl e i lavoratori e inizia ad accrescere preoccupazione e sgomento.
Alessandro Grasso della Filt Cgil, Mauro Torrisi della Fit Cisl, Franco Di Guardo della Uil trasporti e Giuseppe Scannella della Ugl trasporti autoferrotranvieri con una dichiarazione congiunta affermano: “Dall’inutile seduta straordinaria del Consiglio comunale a oggi abbiamo assistito a una totale latitanza da parte dell’amministrazione comunale sulle questioni che interessano da vicino l’immediato futuro da parte dell’Azienda Metropolitana Trasporti”.
Inoltre i rappresentanti delle quattro sigle sindacali aggiungono: “Prova ne è che dei 9 milioni arrivati di recente dalla Regione, all’azienda sono stati trasferiti soltanto 4,5 milioni. Ci chiediamo, quindi, che fine hanno fatto i soldi già stornati all’Amt e la rimanente somma che il Comune deve ancora stornare? Non è possibile che l’inerzia gestionale debbano pagarla in primo luogo i nostri lavoratori che continuano a svolgere il servizio responsabilmente con diligenza e senso del dovere. Siamo sempre più preoccupati perché, nonostante l’intervento della Regione Siciliana, a palazzo degli Elefanti si continua a ignorare quello che, senza un deciso e forte intervento, rischia di diventare velocemente una bomba sociale”.
Infine i sindacalisti concludono: “Quello di oggi è un segnale, da non sottovalutare, di come l’inerzia amt_catania_crisi_striscioniamministrativa può creare notevoli disagi al personale impiegato e all’intero servizio di trasporto pubblico locale. Facciamo, dunque, appello al sindaco Bianco affinchè prenda subito seri provvedimenti per consentire all’Amt di cambiare passo per cominciare a risolvere concretamente le innumerevoli problematiche oggi esistenti, a partire da una certa erogazione degli stipendi degli impiegati”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook