Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MAFIA E MASSONERIA A CATANIA, 6 ARRESTI

MAFIA E MASSONERIA A CATANIA, 6 ARRESTI

Scoperte infiltrazioni di cosa nostra nella gestione delle procedure fallimentari. Le manette sono scattate per alcuni esponenti di spicco del clan Ercolano tra cui il reggente Aldo Ercolano. Inoltre è stato arrestato il "sovrano" della loggia massonica “Federico II”.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MAFIA E MASSONERIA A CATANIA, 6 ARRESTI –

Mafia e massoneria a Catania, 6 arresti. Stamane, la Guardia di Finanza di Catania ha eseguito sei misure cautelari nei confronti di altrettanti sei presunti appartenenti alla cosca Ercolano. Tra gli arrestati il reggente del clan Aldo Ercolano. I reati imputati al boss sono associazione mafiosa, estorsione e turbata libertà degli incanti. Aldo Ercolano risulta essere sorvegliato speciale ed è figlio di Sebastiano conosciuto come “Iano” Ercolano, fratello di Mario e cugino del capo del clan Aldo Ercolano, condannato per l’omicidio del giornalista Giuseppe Fava.
Contestualmente all’esecuzione delle misure cautelari, sono stati notificati provvedimenti di conclusione delle indagini preliminari nei confronti di ulteriori 5 indagati, tra cui alcuni professionisti catanesi, cui è contestato il reato di estorsione, usura e turbativa d’asta aggravata dalla modalità mafiosa.
Nel corso delle indagini sono stati accertati stretti rapporti fra criminalità organizzata ed esponenti della massoneria catanese da cui prende il nome dell’operazione di oggi “Brotherhood” (fratellanza). L’uomo che teneva i contatti fra le due organizzazioni era Sebastiano Cavallaro, uomo di fiducia della famiglia Ercolano e “primo diacono” della “Gran Loggia Massonica Federico II Ordine di stretta osservanza”. Questi ha svolto un ruolo di collettore tra richieste illecite di imprenditori massoni e la famiglia mafiosa degli “Ercolano”.
Tra le attività espletate dal sovrano della loggia massonica, Francesco Cavallaro, quella di far desistere con ogni mezzo gli imprenditori dalla partecipazione a un’asta fallimentare per l’aggiudicazione di un complesso industriale che era di proprietà dei fratelli Rapisarda. Con tale intervento ha garantito così ai proprietari dell’immobile di rientrarne in possesso a un prezzo significativamente ribassato (dal valore iniziale di un milione a 273.000 euro. Il gip di Catania in merito a tali attività, ha disposto
In relazione a tali attività il gip di Catania ha disposto, gli arresti domiciliari nei confronti dei fratelli Carmelo e Francesco Rapisarda, titolari della “Mediterranea Costruzioni Metalmeccaniche S.p.a.” e di Adamo Tiezzi (soggetto, quest’ultimo, assai vicino al Cavallaro e con precedenti per traffico di stupefacenti ed estorsione), per il reato di turbativa d’asta. Inoltre, sono stati disposti per gli arrestati il sequestro di tutti i beni aziendali mobili e immobili della società.
Altri interventi hanno interessato il “fratello” Cavallaro come quello di sollecitare l’intervento di Aldo Ercolano per l’aggiudicazione di appalti di lavori pubblici in favore di arresti_gdf_ctimprenditori “fratelli massoni” come nel caso dei lavori per la Riqualificazione e recupero area ex mattatoio comunale con annesso lavatoio” indetti dal Comune di Santa Maria di Licodia.
Numerosi riscontri sono stati trovati durante le indagini nelle dichiarazioni di diversi collaboratori di giustizia secondo i quali Aldo Ercolano, sin dal 2002, era responsabile per la famiglia nell’area di “Picanello” e per i paesi delle “Aci” e, dopo l’arresto del fratello Mario avvenuto nel 2010, era diventato il riferimento di tutti i gruppi mafiosi riconducibili agli “Ercolano”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook