Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

BANDI TRUCCATI AL COMUNE DI SIRACUSA, DUE INDAGATI

BANDI TRUCCATI AL COMUNE DI SIRACUSA, DUE INDAGATI

Gli indagati sono Giovanni Cafeo, politico del Pd e l'assessore comunale Alfredo Foti accusati di turbativa d'asta. In cambio di denaro e dell'assunzione di persone, avrebbero pilotato la gara per la gestione degli asili nido.

 

 

BANDI TRUCCATI AL COMUNE DI SIRACUSA, DUE INDAGATI –

Bandi truccati al Comune di Siracusa, due indagati. La Procura della Repubblica di Siracusa ha emesso un avviso di garanzia e di conclusione delle indagini preliminari nei confronti di Giovanni Cafeo, già capo di gabinetto del sindaco di Siracusa Giancarlo Garozzo, e attualmente componente della segreteria regionale del Pd, e Alfredo Foti, assessore ai lavori pubblici del Comune di Siracusa. L’accusa è turbativa d’asta nell’affidamento della gestione degli asili nido. Per la Procura: “turbavano la gara per l’affidamento della gestione degli asili nido nel comune di Siracusa, in modo da determinare l’esito delle gare”.
Solo Cafeo è stato indagato anche per traffico di influenze illecite, per avere sfruttato le proprie relazioni con il primo cittadino e con il dirigente dei Servizi Sociali, per ottenere – secondo l’accusa – dagli aggiudicatari della gara sia una percentuale in denaro sia l’assunzione di persone.
Il procuratore della Repubblica Francesco Paolo Giordano e il sostituto Marco Di Mauro, hanno coordinato l’inchiesta venuta fuori da articoli di stampa in merito a una richiesta del Comune di Siracusa di finanziamenti pubblici per incrementare gli asili nido: “malgrado negli anni precedenti si fosse registrata una sostanziale diminuzione di richiesta di posti negli stessi asili”.
I carabinieri della Procura di Siracusa hanno condotto le indagini e hanno acquisito anche una registrazione audio in cui il consigliere comunale Roberto Di Mauro confidava alla consigliera Simona Princiotta fatti costituenti reato sull’affidamento del servizio degli asili nido. Secondo la Procura agli indagati è stato contestato di: “avere determinato – mediante promesse, collusioni e altri mezzi fraudolenti – l’aggiudicazione di un lotto dell’appalto per la gestione degli asili nido al consorzio Solco”.
L’assessore comunale per i Lavori pubblici Alfredo Foti, facendo riferimento alla notizia ha dichiarato: “Prendo atto del procedimento a mio carico e mi dichiaro estraneo da qualsiasi attività illecita. SIRACUSA_MUNICIPIOConfido che la magistratura faccia chiarezza quanto prima”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook