Archiviato in | Spettacolo

SUCCESSO PER LA PRIMA DE “LA SONNAMBULA”. VIDEO E INTERVISTE

SUCCESSO PER LA PRIMA DE “LA SONNAMBULA”. VIDEO E INTERVISTE

Lo spettacolo ha costituito il vero rilancio del Massimo, affidato ad Alessandro Londei, autore della regia e delle scene. Una bellissima direzione, equilibrata e piena di senso del canto, che sottolineava splendidamente i colori al pastello e i preziosi dettagli strumentali della musica di Bellini, oltre che misurata ed efficacissima negli accompagnamenti delle arie e accurata nelle scene corali, grazie all’eccellente prestazione dell’orchestra e del coro preparato da Gaetano Costa.

Print Friendly, PDF & Email

 

SUCCESSO PER LA PRIMA DE “LA SONNAMBULA” – VIDEO E INTERVISTE

“Ah, non credea mirarti sì presto estinto, o fiore passasti al par d’amore che un giorno sol durò”. Così recita Amina, orfanella raccolta da Teresa, fidanzata di Elvino, nel secondo atto de “La Sonnambula”, di Vincenzo Bellini, melodramma in due atti, in scena al Teatro Massimo Bellini di Catania, fino al 1 giugno 2016. Libretto di Felice Romani, direttore Sebastiano Rolli, regia e scene di Alessandro Londei, maestro del coro Gaetano Costa. È considerata con I puritani, e Norma, uno dei tre capolavori del compositore catanese.

 

Il tema del tenero e contrastato amore tra Amina ed Elvino, offrì a Bellini, il destro per esaltare la propria vena lirica: la tipica lunghezza dell’arco melodico si coniuga qui, coerentemente col soggetto, con un andamento languido e divagante, mentre l’orchestra si limita ad accompagnare la voce con mirabile semplicità. L’opera culmina in una delle più sublimi arie per soprano: la celebre Ah, non credea mirarti, che la protagonista canta in stato di sonnambulismo.
Pubblico delle grandi occasioni, ha gremito il Teatro Massimo Bellini, per questa “prima”. Lo spettacolo ha costituito il vero rilancio del Massimo, affidato ad Alessandro Londei, autore della regia e delle scene. Una bellissima direzione, equilibrata e piena di senso del canto, che sottolineava splendidamente i colori al pastello e i preziosi dettagli strumentali della musica di Bellini, oltre che misurata ed efficacissima negli accompagnamenti delle arie e accurata nelle scene corali, grazie all’eccellente prestazione dell’orchestra e del coro preparato da Gaetano Costa. Di ottima qualità anche la compagnia di canto.
Sul palco Irina Dubrovskaya, soprano, ha cantato Amina con morbidezza, buon legato, padronanza dellala_sonnambula2 coloratura e del settore acuto nelle arie. La voce è di bel timbro, brillante nelle note centrali ed equilibrata in tutti i registri e l’interprete possiede una buona proprietà stilistica e belle capacità di fraseggio, che hanno reso intensa ed espressiva la caratterizzazione del personaggio. Lunghi applausi per lei.
Elvino, ricco possidente Jesus Leon, Lisa, Ostessa Giulia Semenzato, Conte Rodolfo Dario RussoTeresa, mugnaia Sonia Fortunato, Alessio Alessandro Vargetto, notaio Riccardo Palazzo.
Costumi di Veronica Patuelli, luci di Salvatore Da Campo. Orchestra e Coro del Teatro Massimo Bellini. Riproduzione delle scene del 1831 di Alessandro Sanquirico.
È stata, in fin dei conti, un’ottima Sonnambula, quella presentata al Teatro Massimo, un’opera che ci lascia sempre nuovi spunti di riflessione e che non finisce mai di stupirci, per la sua immensa e delicata liricità.
la_sonnambula3Si replica giovedì 26 Maggio – ore 17.30, Venerdì 27 Maggio – ore 20.30, Sabato 28 Maggio – ore 17.30, Domenica 29 Maggio – ore 17.30, Martedì 31 Maggio – ore 17.30, Mercoledì 1 Giugno – ore 17.30.
Soddisfatto più che mai il Sovrintendente del Teatro Bellini Roberto Grossi : “Il Bellini deve tornare a essere produttore di cultura e spettacolo, e non può accontentarsi di essere una vetrina di bellezza e di musica. L’idea complessiva è di tornare a essere protagonisti. E’ necessario, a questo proposito, indirizzare la qualità artistica, avendo come obiettivo il soddisfacimento della domanda. Solo così è possibile recuperare gli abbonati persi. Nel nostro cartellone, non poteva mancare “La sonnambula” del Cigno catanese, titolo belliniano assente da dodici anni. Il melodramma vede la fedele ricostruzione delle celebri scene originali di Alessandro Sanquirico. Ed infine, il Teatro Bellini e la Sicilia si aprono al mercato internazionale – conclude il sovrintendente – alla fiera internazionale del Turismo di Berlino, insieme all’Assessore Regionale per il Turismo Barbagallo ed il Sovrintendente del Teatro Massimo di Palermo Giambrone, è stata presentata la stagione estiva 2016. Per la prima volta a Taormina, “La Traviata“, in una cooproduzione dei due grandi Teatri Siciliani” .

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook