Archiviato in | Musica, Spettacolo

TEATRO BELLINI, PRIMA DE “LA SONNAMBULA”

TEATRO BELLINI, PRIMA DE “LA SONNAMBULA”

Sul palco Amina, orfanella raccolta da Teresa, fidanzata ad Elvino Irina Dubrovskaya – Gilda Fiume, Elvino, ricco possidente Jesus Leon – Christian Collia, Lisa, Ostessa Giulia Semenzato – Eleonora Cilli, Conte Rodolfo Dario Russo – Andrea Comelli, Teresa, mugnaia Sonia Fortunato, Alessio Alessandro Vargetto, notaio Riccardo Palazzo. Costumi di Veronica Patuelli, luci di Salvatore Da Campo. Orchestra e Coro del Teatro Massimo Bellini. Riproduzione delle scene del 1831 di Alessandro Sanquirico.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

TEATRO BELLINI, PRIMA DE “LA SONNAMBULA” –

Al Teatro Massimo Bellini di Catania, in scena, dal 25 Maggio, all’ 1 giugno 2016, la “La Sonnambula”, di Vincenzo Bellini, melodramma in due atti,  libretto di Felice Romani, direttore Sebastiano Rolli, regia e scene di Alessandro Londei, maestro del coro Gaetano Costa 
La Sonnambula appartiene al filone dell’opera semiseria, genere nato alla fine del Settecento come variante sentimentale dell’opera buffa italiana, che si proponeva di uscire dalla consueta contrapposizione tra comicità realistico-quotidiana e tragicità aristocratico-eroica. I protagonisti sono uomini e donne comuni, contemporanei, portavoce della dignità morale e sociale delle classi inferiori.
La Sonnambula rispecchia alla perfezione questi canoni: un villaggio in cui la comunità prende parte al destino dei singoli, un ambiente vivo e presente nei suoni dietro le quinte, una fanciulla innocente che vive la propria sofferenza in uno stato di alterazione psichica. L’opera è ambientata in un villaggio abitato da gente semplice, dove due giovani, Amina ed Elvino, si amano teneramente l’un l’altro. Ma quando Amina viene trovata addormentata nella stanza di un signore arrivato al villaggio il giorno prima (il Conte Rodolfo), Elvino accusa Amina di averlo tradito. Unala_sonnambula_bellini_spartito sera appare una sonnambula che cammina ad occhi chiusi sull’orlo di un precipizio. È Amina. A tale vista, Elvino e gli altri comprendono che Amina si era recata nella stanza dello straniero camminando mentre dormiva e che quindi era innocente. Elvino va incontro ad Amina, che si sveglia tra le braccia del suo amato. L’opera finisce felicemente, con i due innamorati che si riconciliano tra gli applausi dei loro amici.
Sul palco Amina, orfanella raccolta da Teresa, fidanzata ad Elvino Irina Dubrovskaya – Gilda Fiume, Elvino, ricco possidente Jesus Leon – Christian Collia, Lisa, Ostessa Giulia Semenzato – Eleonora Cilli, Conte Rodolfo Dario Russo – Andrea Comelli Teresa, mugnaia Sonia Fortunato, Alessio Alessandro Vargetto, notaio Riccardo Palazzo.
Costumi di Veronica Patuelli, luci di Salvatore Da Campo. Orchestra e Coro del Teatro Massimo Bellini. Riproduzione delle scene del 1831 di Alessandro Sanquirico.
Si replica giovedì 26 Maggio – ore 17.30, Venerdì 27 Maggio – ore 20.30, Sabato 28 Maggio – ore 17.30, Domenica 29 Maggio – ore 17.30, Martedì 31 Maggio – ore 17.30, Mercoledì 1 Giugno – ore 17.30.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook