Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ETNA SI RISVEGLIA

ETNA SI RISVEGLIA

Il vulcano torna in attività dal cratere di Nord-Est. Gli studiosi dell'Ingv confermano con una nota un: "Intenso degassamento accompagnato da sporadiche e deboli emissioni di cenere"

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ETNA SI RISVEGLIA –

Etna si risveglia nella notte. Solo boati e bagliori provenienti dal cratere di nord-Est. Ancora nessuna eruzione. Ieri sera, gli strumenti dell’Ingv-Osservatorio Etneo (Ingv-Oe) e i sismografi dislocati in vari punti del vulcano hanno confermatoun graduale aumento dell’ampiezza del tremore: “accompagnato da segnali infrasonici provenienti dal Nec e un intenso degassamento accompagnato da sporadiche e deboli emissioni di cenere dallo stesso cratere”. Il personale Ingv-Oe presente in zona Grotta del Gelo (sopra Randazzo) ha riferito di avere udito boati, probabilmente provenienti dal Cratere di Nord-Est”. Gli studiosi dell’Ingv hanno tracciato una mappa dei fenomeni eruttivi: “Dall’inizio di aprile 2016 si è osservata una graduale ripresa dell’attività eruttiva sommitale all’Etna  che si è manifestato con un aumento dell’emissione di gas soprattutto dal Cratere di Nord-Est (Nec) e dalla bocca apertasi il 25 novembre 2015 sull’alto fianco orientale del Nuovo Cratere di Sud-Est (Nsec). Tale degassamento è stato accompagnato, in maniera molto discontinua, da piccole emissioni di cenere; durante la prima metà di maggio queste emissioni dal Nsec hanno prodotto anche piccole anomalie riconoscibili nelle immagini della telecamera termica di Monte Cagliato (Emct)”.  Secondo quanto specificato gli scienziati dell’INGV evidenziano inoltre che:“Nella giornata del 17 maggio, si è osservato un aumento dell’ampiezza del tremore vulcanico la cui sorgente si è spostata verso il Nsec, e allo stesso tempo è comparsa una sorgente di segnali infrasonici in corrispondenza del Nsec; tuttavia le cattive etna_fumocondizioni meteorologiche hanno solo permesso di osservare una modesta emissione di cenere dal Nsec (bocca del 25 novembre) e dal Nec. Nella notte del 16 maggio, si sono osservati deboli e rari bagliori alla bocca del 25 novembre del Nsec, nuovamente accompagnati da segnali infrasonici con origine al medesimo cratere”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook