Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SOMALI SEGREGAVANO MIGRANTI CHIEDENDO DENARO PER LIBERARLI

SOMALI SEGREGAVANO MIGRANTI CHIEDENDO DENARO PER LIBERARLI

Bloccata banda di somali. Era una vera e prpria organizzazione di delinquenti, prelevavano i connazionali dai centri di accoglienza e li segregavano all'interno di appartamenti senza consentire loro di uscire. Per la liberazione veniva chiesto denaro alle famiglie. Gli aguzzini non li lasciavano andare se non venivano pagati.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SOMALI SEGREGAVANO MIGRANTI CHIEDENDO DENARO PER LIBERARLI –

Le indagini già erano iniziate nell’ottobre 2015 e poi concluse a maggio 2016. A condurre gli accertamenti la Squadra Mobile di Catania e il Servizio centrale operativo, che hanno permesso di verificare l’esistenza di un’organizzazione criminale composta prevalentemente da cittadini somali dedita al traffico di connazionali. Nel corso delle indagini, coordinate dalla Dda della Procura di Catania, in più circostanze, sono state ‘liberate’ diverse decine di cittadini somali, compresi alcuni minorenni trattenuti dai complici dell’organizzazione all’interno di abitazioni a Catania e nell’hinterland del capoluogo etneo.
Giunti in Italia con barconi malandati e sfidando la morte in mare, venivano prelevati dai centri di accoglienza e condotti all’interno di appartamenti ubicati a Catania. Secondo quanto scoperto dalla polizia di blitz_polizia_arresti_banda_somali_ct_2Stato queste abitazioni sarebbero stati dei veri e propri ‘centri di raccolta’ dove i migranti venivano illecitamente trattenuti in attesa che le rispettive famiglie, contattate telefonicamente, pagassero. Il prezzo per la loro liberazione variava a secondo della destinazione. Una volta pagato il ‘riscatto’ gli aguzzini permettevano loro la prosecuzione del viaggio verso la destinazione desiderata, in Italia o in Europa.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook