Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ABORTI CLANDESTINI A MESSINA, DUE FERMI

ABORTI CLANDESTINI A MESSINA, DUE FERMI

Fermati due medici ospedalieri di Messina, un ginecologo e un anestesista, in servizio al Papardo e Piemonte, ospedali nel capoluogo peloritano. I professionisti avrebbero convinto con l’inganno donne incinte a interrompere la gravidanza presso uno studio privato in cambio di denaro.

 

 

ABORTI CLANDESTINI A MESSINA, DUE FERMI –

Aborti clandestini. La polizia di Stato ha fermato a Messina Giuseppe Luppino, primario del reparto di Anestesia e rianimazione dell’ospedale Papardo-Piemonte, e il dirigente medico Giovanni Cocivera, della divisione di Ostetricia e ginecologia, sempre del Papardo. I professionisti sono accusati di aver indotto le pazienti a scegliere un intervento di interruzione di gravidanza in uno studio privato a pagamento. I due medici sono considerati responsabili di avere convinto, con l’inganno, donne in stato di gravidanza ad abortire nello studio privato di uno dei due. Struttura che, secondo gli investigatori, sarebbe stata priva dei prescritti requisiti igienico-sanitari e ostetrico-ginecologici.
Per la Procura di Messina, i due, ginecologo e anestesista ingannavano le vittime sostenendo falsamente che un intervento in ospedale non fosse possibile, per mancanza di posti disponibili. Paventavano inoltre lunghissime liste di attesa, costringendole ad affrontare l’intervento in uno studio privato e a pagamento. L’opzione che presentavano, a dir loro, era l’unica strada percorribile. Il provvedimento è stato eseguito dalla squadra mobile e dalla Stradale. Le ipotesi d’accusa dovrebbero essere concussione e peculato. Il provvedimento è stato emesso dal procuratore aggiunto Giovannella Scaminaci e dal sostituto Marco Accolla. Gli agenti della polizia postale del compartimento Sicilia orientale di Catania sono al lavoro eseguendo accertamenti nel server dei due nosocomi Papardo e Piemonte dove gli indagati prestano servizio.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook