Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DEMOLIZIONI A LICATA, INCENDIATA CASA DEL SINDACO

DEMOLIZIONI A LICATA, INCENDIATA CASA DEL SINDACO

Brucia a Licata la casa di campagna del sindaco Cambiano. Forse un nesso con l’incendio: Il primo cittadino sta procedendo nel territorio comunale contro l'abusivismo edilizio.

 

 

DEMOLIZIONI A LICATA, INCENDIATA CASA DEL SINDACO –

Demolizioni a Licata. Ignoti hanno incendiato la casa di campagna, di Rosario Cambiano, 65 anni, insegnante in pensione, padre del sindaco di Licata, Angelo. A causa delle fiamme una stanza della villetta, edificata su un’unica elevazione a pianterreno, è andata distrutta. Dalle prime indagini, qualcuno poco prima delle 21 ha rotto il vetro di una finestra, è entrato all’interno cospargendo gli interni di liquido infiammabile. La casa di campagna è formalmente intestata al padre del sindaco, ma è in uso a tutta la famiglia. Il fabbricato si trova in contrada Stretto, lungo il vecchio tracciato stradale che porta a Ravanusa.
Il primo cittadino è stato eletto lo scorso giugno con l’appoggio di tre liste civiche del centrodestra. Il sindaco di Licata sta procedendo, insieme alla Procura di Agrigento, gli interventi di demolizione delle case abusive di contrada Torre di Gaffe. Poco più di 15 giorni fa, l’impresa aggiudicataria delle demolizioni subì delle intimidazioni e Cambiano era intervenuto in merito con chiarezza: “Questa città non si piega all’illegalità”. La Procura di Licata, coordinata dalla Procura di Agrigento hanno aperto un fascicolo sull’accaduto. lI Sindaco Cambiano provato dall’atto deplorevole ha detto: “È un momento davvero molto particolare. Sono senza parole”. Il capo dell’Amministrazione comunale di Licata, sul problema demolizioni degli immobili abusivi ha sempre sostenuto di “non avere fatto altro che applicare la legge, ciò che la politica non ha fatto in oltre 40 anni visto che è del ’76 la norma che stabilisce che sono abusivi gli immobili edificati entro i 150 metri dalla battigia”.
Intanto, 40 sindaci della provincia di Agrigento si incontreranno alle ore 11 a Licata per manifestare solidarietà nei confronti del collega Angelo Cambiano.
I sindaci dell’Agrigentino, attraverso il collega Emilio Messana hanno fatto sentire la loro voce:“Domenica all’Arena di Giletti, abbiamo visto Angelo Cambiano spiegare la normalità delle demolizioni degli immobili abusivi. Un’ottima figura per la Sicilia e i suoi amministratori. L’affermazione del diritto crea scandalo, fa del suo primo cittadino un eroe, suo malgrado. Oggi saremo a Licata per manifestare la nostra carabinieri_vigili_del_fuocosolidarietà e l’indignazione. Alla comunità di Licata, profondamente offesa da questo vile attentato, la nostra vicinanza. Ad Angelo Cambiano il nostro incoraggiamento ad andare avanti nella difesa della nostra terra e dei valori della legalità”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook