PRIMO MAGGIO: LA BINDI A PORTELLA DELLA GINESTRA

PRIMO MAGGIO: LA BINDI A PORTELLA DELLA GINESTRA

In occasione del primo maggio la Bindi si è recata a Portella della Ginestra per ricordare i morti nella strage: " Non possiamo non pensare ai tantissimi giovani senza lavoro e a chi il lavoro lo sta perdendo”.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PRIMO MAGGIO: LA BINDI A PORTELLA DELLA GINESTRA –

Primo Maggio. La presidente della commissione parlamentare antimafia Rosi Bindi in occasione della festa dei lavoratori si reca, nonostante la pioggia battente, a Portella della Ginestra e a Piana degli Albanesi in provincia di Palermo. Nonostante le cattive condizioni del tempo, si sono radunate ugualmente centinaia di persone circondate dalle bandiere rosse della Cgil e si sono strette nel Memoriale della Strage attorno al cippo di Barbato.
Per via del cattivo tempo il corteo ha registrato presenze ridotte rispetto agli altri anni. Il serpentone è partito dalla Casa del Popolo fino al luogo della strage, seguito dalla banda del paese. Esposto uno striscione della Camera del lavoro di Piana e da quello dei lavoratori Almaviva. Sotto la pioggia i presenti hanno ascoltato gli interventi del segretario della Cgil Palermo Enzo Campo e del segretario nazionale Filctem Cgil Emilio Miceli. Poi, Serafino Petta, uno dei sopravvissuti della strage, ha ricordato i nomi delle 11 vittime della strage, tra cui due bambini.
Assieme al sindaco di Palermo Leoluca Orlando e la eurodeputata Pd Michela Giuffrida, Rosy Bindi, presidente della commissione parlamentare antimafia che ha sostato d’innanzi al sasso di Barbato, raccogliendosi in un momento di pregherà nel ricordo delle vittime. Enzo Campo, segretario Cgil Palermo è intervenuto aprendo il comizio a Portella della Ginestra: “La presenza oggi della presidente dell’antimafia nazionale, nel solco della presenza già in passato a Portella del presidente della Repubblica e dei presidenti di Camera e Senato, è per noi un fatto estremamente importante, anche nella ricerca continua della verità sulla strage”.
Rosi Bindi, ha ricordato i caduti della strage e Pio La Torre. Inoltre ha valorizzato il ruolo e la qualità del lavoro. Poi ha affermato: “abbiamo condiviso il fatto che Portella sia la più bella memoria d’Italia da difendere. Portella è stata la premessa verso la strada della democrazia nel Paese. E’ questo non lo può dimenticare nessuno. Abbiamo fatto già tanta strada per cercare di fare chiarezza sui morti del primo maggio 1947 a Portella della Ginestra, ribadiamo come in commissione parlamentare antimafia abbiamo messo tutto il nostro impegno. Di fronte a questi morti oggi diciamo che ancora è lunga la strada da fare per affermare il diritto al lavoro”. La Bindi inoltre ha aggiunto: “Anche in questo primo maggio  in cui si registrano segnali positivi, non possiamo ignorare i problemi portella_bindiancora non risolti del Mezzogiorno. Non possiamo non pensare a chi non ha il lavoro, a chi è sfruttato, a chi subisce il ricatto della mafia. Non possiamo non pensare ai tantissimi giovani senza lavoro e a chi il lavoro lo sta perdendo. Ancora davanti a noi c’è un grande cammino per ridare speranza al mondo del lavoro. Per noi è questa la priorità per affermare la democrazia e per affrontare la lotta alla mafia”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook