RENZI AL BELLINI, TUTTO È PRONTO. FUORI LA PROTESTA

RENZI AL BELLINI, TUTTO È PRONTO. FUORI LA PROTESTA

Il premier è arrivato alle 13,30 al Teatro Bellini per la cerimonia della firma. Il ritardo causa della chiusura dell’aeroporto di Fontanarossa per un atterraggio di emergenza che ha rallentato la tabella di marcia. La sottoscrizione dei patti territoriali era previsto alle 12,30. Nella città etnea, in attesa, da questa mattina si sono posizionati manifestanti con striscioni che inneggiano cori contro il presidente del Consiglio. Mentre monta la polemica sull' inaugurazione del viadotto Himera.

 

 

RENZI AL BELLINI, TUTTO È PRONTO. FUORI LA PROTESTA –

Renzi al Bellini. Il premier è arrivato al Teatro Massimo Bellini, per la firma del Patto per Catania, con Enzo Bianco. Prima tappa, velocissima, un po’ come tutto il resto, a Catania.  In ritardo sulle previsioni a causa della chiusura dell’aeroporto per un incidente sulla pista a un ATR 42 proveniente da Rimini. Per il patto che siglerà in Sicilia sono in arrivo molti fondi per le aree metropolitane di Palermo e Catania. Settecento milioni su Catania , città metropolitana, destinati in parte al mondo della cultura. Tra i nuovi investimenti possibili, quello di Enel nell’ “Etna valley”. Ora, Bianco e Renzi sono alla prova dei fatti. Sul tavolo la “leggendaria” Catania-Etna, strada fantasma pensata più di vent’anni fa da Rino Nicolosi che torna alla ribalta ad ogni competizione elettorale ed oggi è ripescata per l’ennesima volta. Sarà quella buona?  Sono 700 i milioni previsti nel patto.
Altro impegno la cerimonia di riapertura del viadotto Himera nel primo pomeriggio dopo di corsa a Palermo, nell’ex deposito tram di Roccella, firmerà il patto per Palermo, città metropolitana, con il sindaco Orlando. gli investimenti sull’area di Palermo sulle infrastrutture, ambiente, sviluppo economico e produttivo, turismo e cultura , riqualificazione e sicurezza urbana per un importo totale poco superiore a 770 milioni di euro. Per l’occasione sarà presente anche il presidente della Regione Rosario Crocettta che  firmerà nelle prossime settimane con Renzi il “Patto per la Sicilia” con investimenti complessivi per 12 miliardi, sei quali 2,4 da spendere entro il 2017.
Intanto a Catania monta la protesta. Dalle ore 10 del mattino un gruppo di manifestanti reclama le proprie ragioni di dissenso. Catania Bene Comune, Muos,  Centri sociali e cittadini si sono ritrovati nei pressi del Teatro Massimo Bellini, dove hanno atteso l’arrivo del premier.
Il movimento, Catania Bene Comune, si è unito nella protesta per contestare la venuta del premier nei pressi del Teatro Massimo V. Bellini. In un comunicato sono espresse le motivazioni della manifestazione di protesta:
“Il Governo Renzi sta massacrando i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori. Sta regalando i soldi alle banche sottraendoli a scuola, sanità, enti locali e servizi pubblici”.
”Il Governo Renzi sta smantellando la scuola pubblica, il sistema pensionistico, lo stato sociale. È al servizio dell’alta finanza, dei signori del petrolio, dei poteri forti”.renzi_bianco_catania
“Le catanesi e i catanesi non vogliono che il capo di un governo che sta svendendo e militarizzando la nostra terra (Sigonella, Muos, Frontex) sia accolto come se niente stesse succedendo. Matteo Renzi non è il benvenuto a Catania”.
Intanto nella notte, dei giovani di un centro sociale, hanno compiuto un blitz all’esterno del teatro ‘Vincenzo Bellini, dove il presidente del consiglio Matteo Renzi firmerà il Patto per il Sud, hanno esposto uno striscione contro la visita del premier oggi del presidente, con la scritta: ‘Renzi coniglio Catania non ti vuole”.
il centro sociale Liotru  ha rivendicato l’iniziativa con mail inviate a testate giornalistiche e siti accompagnate da foto dello striscione, che è stato rimosso dalle forze di polizia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook