PROTESTANO I PRECARI DEL TEATRO BELLINI

PROTESTANO I PRECARI DEL TEATRO BELLINI

Mobilitazione dei lavoratori precari del Teatro Massimo Bellini. Una protesta che si aggiunge a quella sempre più eclatante dei dipendenti dello Stabile.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PROTESTANO I PRECARI DEL TEATRO BELLINI –

Protesta precari teatro Bellini. I lavoratori a tempo determinato del teatro Massimo Bellini di Catania annunciano lo stato di mobilitazione. Una protesta che si aggiunge a quella sempre più eclatante dei dipendenti dello Stabile, saliti sul tetto del teatro e pronti a rifiutare gli stipendi arretrati e a continuare lo sciopero se non arriveranno rassicurazioni sul futuro.
Secondo quanto affermano i rappresentanti sindacali: “alle tante promesse ricevute si aggiungono ipotesi più o meno realizzabili, anche perché alcuni bilanci degli anni scorsi non sono stati ancora presentati e ciò complica ulteriormente la situazione. Ma come si fa a giocare così con la vita delle persone?”. “arrabbiati e insoddisfatti per una politica di parole e non di fatti”. E ancora i sindacati intervengono: “Dopo anni di battaglia e tante promesse non è ancora cambiato nulla, i lavoratori sono stanchi di questa situazione e meditano azioni eclatanti”. E ancora il malcontento serpeggia tra i lavoratori: “Il primo maggio è festa dei lavoratori per tanti ma certamente non per quelli con riposo forzato e mobilitazione. Scadrà il 30 di aprile il contratto per i dipendenti del Bellini che da oltre precari_bellini_ctventi anni sono considerati stagionali. Assieme alle loro famiglie hanno ricevuto tante promesse, ma nessuna vera novità e vivono in uno stato di ansia e precariato penenne. Ma dove sono le istituzioni che tanto hanno promesso e poco o nulla mantenuto? Dov’è il sindaco di Catania, nonché presidente del teatro Massimo Bellini, Enzo Bianco? Cosa sta facendo la Regione?”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook