Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SPACCIAVANO DROGA IN CASA, DUE ARRESTI

SPACCIAVANO DROGA IN CASA, DUE ARRESTI

Arrestati un marocchino e sua moglie, spacciavano droga in casa, nonostante lui fosse agli arresti domiciliari. I carabinieri hanno sequestrato nell’abitazione dove vivevano i due coniugi, dosi di eroina e cocaina.

 

 

SPACCIAVANO DROGA IN CASA, DUE ARRESTI –

Spacciavano droga in casa. Gli arrestati erano riusciti ad allestire in casa un vero e proprio supermarket della droga. I carabinieri di Pozzallo, ieri sera, hanno arrestato una coppia di coniugi, Mustapha Rheydouni, marocchino, 46 anni e Maria Barrera, pozzallese 34 anni, entrambi già noti alle forze dell’ordine per reati inerenti gli stupefacenti. La coppia vendeva dosi all’interno dell’abitazione, dove il Rheydouni si trovava relegato agli arresti domiciliari. I militari dell’arma, da un po’ di tempo avevano notato un continuo e strano via vai di persone che li ha insospettiti. Così, ieri sera, una pattuglia ha fermato due giovani mentre uscivano dall’appartamento trovandoli in possesso di eroina appena acquistata dalla coppia. I carabinieri hanno fatto scattare l’operazione, facendo irruzione all’interno dell’abitazione. Nel corso della perquisizione, nascosti in più punti della casa hanno trovato 11 grammi di cocaina, carabinieri_arrestati_pozzallo_spaccio_drogamateriale per il taglio e il confezionamento della sostanza, un bilancino di precisione e 1.000 euro in banconote di vario taglio, provento dell’attività di spaccio. L’uomo è stato tradotto nel carcere di Ragusa e la donna è stata relegata ai domiciliari.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook