Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ARS: FINANZIARIA, IN PREPARAZIONE DDL “OMNIBUS”

ARS: FINANZIARIA, IN PREPARAZIONE DDL “OMNIBUS”

Tra gli emendamenti alla legge stralcio ecco prebende e sanatorie. Previsto un taglio da mezzo milione a un ente che servirà per pubblicizzare i prodotti siciliani. Così è in preparazione una “finanziaria ombra” che dovrebbe accontentare un po’ tutti.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

 

ARS: FINANZIARIA, IN PREPARAZIONE DDL “OMNIBUS” –

Ars. Sala d’Ercole si prepara ad esaminare diversi tomi che contengono svariati argomenti e decisioni. Potrebbe trasformarsi nello “stralcio dello stralcio”. Saranno messe al vaglio le norme, escluse dalla Finanziaria regionale ma che i deputati cercano di portare in Aula. Si potrebbe definire una ‘Finanziaria ombra’, o qualsivoglia definire un ddl ‘omnibus’ che potrebbe essere abbinato a quello già approvato dalla commissione bilancio.
Tra i tanti argomenti da aggiungere proposti da governo e deputati, lo stanziamento per la “propaganda dei prodotti siciliani”, ottenuto togliendo una bella fetta di contributo a un ente regionale, la decisione di estendere il numero dei consulenti nella Sanità e la ristrutturazione dell’Ufficio stampa regionale.
Ecco venir fuori la ex tabella h. Il Pd chiede ad esempio di rivedere la norma che prevede la partecipazione degli enti della cosiddetta “ex Tabella H” ai bandi degli assessorati. La norma approvata in finanziaria prevede infatti che un ente destinatario già di contributi regionali non possa richiederne altri. I democratici chiedono invece che la limitazione sia ristretta a contributi dovuti “per le medesime attività”. Insomma, anche più finanziamenti in un anno allo stesso ente, purché si occupi di attività differenti. I deputati Ncd Vinciullo e Germanà chiedono all’assessorato ai Beni culturali di istituire una convenzione (onerosa per la Regione) col comitato Taormina Arte. Lo stesso Germanà chiede poi il trasferimento di 80 mila euro al Parco Valle dei Templi per il “Premio Empedocle”, mentre Alloro, deputato vicino a Mirello Crisafulli, cala il tris, chiedendo un milione e mezzo per la Kore di Enna, due milioni e mezzo per l’Associazione allevatori e 400 mila euro per l’Autodromo di Pergusa, al quale anche il Movimento cinque stelle dedica un pensiero, con una richiesta di 250 mila euro.
Per il personale di Regione ed enti collegati gli emendamenti sono molteplici. I deputati di Forza Italia (primo firmatario Figuccia) chiedono che per le assunzioni nelle nuove Srr (le società che dovranno gestire i rifiuti in Sicilia) il personale venga individuato tra quello che ha prestato servizio negli ex Ato per almeno 36 mesi a patto che sia stato assunto (a qualsiasi titolo…) entro il 31 dicembre del 2009. Un emendamento del governo, poi, interviene sul personale forestale. La norma infatti introduce la possibilità, non ancora prevista dalla legislazione, di escludere dall’elenco dei lavoratori quelli che si siano resi responsabili di reati minori: sarà questo lo strumento, insomma, per escludere dall’elenco i “forestali-piromani” denunciati pubblicamente da Crocetta.
Il Movimento 5stelle propone la “Norma anti-affitti d’oro” cioè l’applicazione per la Regione e gli enti collegati della norma nazionale che consente il recesso anticipato dai canoni di locazione che fissa l’unico limite in 30 giorni di preavviso. Prevista anche la deroga anche a clausole e contratti. Si tratta di un pacchetto di emendamenti del governo che tende a snellire le procedure burocratiche alla Regione. Tra queste norme, quella che prevede l’esame delle pratiche amministrative, che dovrà essere operato in ordine cronologico, ma anche i casi in cui la pratica debba avere una sorta di via preferenziale.
Altra norma inserita nel pacchetto è quella che introduce il potere sostitutivo del dirigente generale nel caso di ritardi o omissioni di dirigenti e funzionari. L’assessore Pistorio introduce un altro emendamento rimodulando la legge sugli appalti impugnata dalla presidenza del Consiglio dei ministri. L’on. Panepinto del Pd chiede invece che giunte e consigli comunali e provinciali pubblichino sul proprio sito i loro atti e le loro deliberazioni. Prevista dal presidente della Commissione bilancio Vinciullo, poi, l’internalizzazione da parte delle Asp delle commissioni per invalidi civili. La norma detta la composizione di queste commissioni, che oggi in molte Aziende sanitarie fanno ricorso a costosi esterni.
L’esecutivo di Crocetta ha deciso infatti di togliere 500 mila euro all’Irsap, ente in grave crisi amministrativa e finanziaria. A cosa servirà quel mezzo milione? Alla “propaganda dei prodotti siciliani”. Il governo, insomma, punta tutto… sulla pubblicità.
La capogruppo del Pd, Alice Anselmo vorrebbe introdurre una norma che prevede l’abbattimento del limite di un solo consulente “non sanitario” nelle Aziende sanitarie siciliane. E apre così a un numero indefinito di esterni, sebbene all’interno di un tetto di spesa individuato dalla norma. Nonostante gli oltre 18 mila dipendenti regionali, invece, i deputati di Sicilia democratica Coltraro, Currenti e Giuffrida ad esempio chiedono di poter fare ricorso a comandati (dipendenti provenienti da altre pubbliche amministrazioni) da inviare al dipartimento della Programmazione civile per il “supporto legale-amministrativo”.
Giuseppe Lupo, vicepresidente dell’Ars, punta a far applicare in Sicilia una norma nazionale che “sblocca” gli insediamenti dei centri commerciali nell’Isola eliminando le restrizioni. La norma nazionale così recita: “Costituisce principio generale dell’ordinamento la libertà di apertura di nuovi esercizi commerciali sul territorio senza contingenti, limiti territoriali o altri vincoli di qualsiasi altra natura, esclusi quelli connessi alla tutela della salute, dei lavoratori, dell’ambiente e dei beni culturali”.
La giunta regionale e l’ufficio stampa. L’esecutivo riprova a poco più di un anno dalla conclusione del quinquennio di legislatura, Crocetta e i suoi assessori tentano di ricostituire l’Ufficio stampa regionale, azzerato bruscamente pochi giorni dopo l’insediamento del presidente della Regione finita tra polemiche e carta bollata. La norma, era stata presentata diverse volte, ma in tutte le occasioni era stata esclusa. Nella nuova proposta l’Ufficio Stampa dovrà essere composto da sette persone. Che si aggiungeranno – saranno soggetti alle stesse norme – ai componenti degli uffici di gabinetto. Un allargamento, insomma, di quegli uffici di staff e fedelissimi di presidente e assessori, pagati dai siciliani. La spesa prevista per l’esercizio finanziario è di 600 mila euro. Gli stipendi medi lordi quindi ammonteranno a circa 80 mila euro anche se la norma prevede un coordinatore e sei giornalisti. Per quanto riguarda la durata degli incarichi, l’orientamento della giunta regionale come si legge, è legato alla ‘preposizione del Presidente della Regione’. Un passaggio un po’ meno chiaro rispetto a quelli delle precedenti norme proposte che in maniera più comprensibile, facevano coincidere il termine dell’incarico con la fine della legislatura.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook