Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CAMILLIANO FUGGE CON I SOLDI DELL’OPERA PIA

CAMILLIANO FUGGE CON I SOLDI DELL’OPERA PIA

Il rettore della Casa Sollievo di San Camillo ad Acireale s’invaghisce di una volontaria che lavora nella struttura e fugge appropriandosi di quasi 30 mila euro.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CAMILLIANO SAREBBE FUGGITO CON I SOLDI DELL’OPERA PIA –

Camilliano sarebbe fuggito con la cassa della Casa sollievo di Acireale.  Il sacerdote lascia l’ordine religioso dei camilliani di cui è professo, perchè innamorato di una donna. I confratelli si sono accorti di un ammanco nelle casse del centro di prima accoglienza per poveri ed emarginati Casa Sollievo di San Camillo di Acireale in provincia di Catania, del quale è rettore. Protagonista della vicenda un 44enne originario del Palermitano appartenente all’Ordine dei chierici regolari ministri degli infermi, che si sarebbe innamorato di una volontaria e provocato un buco nelle casse di 27.900 euro dell’ente di beneficenza.
I padri camilliani si sono rivolti ad un legale, l’avvocato Giampiero Torrisi, e hanno sporto denuncia nei confronti dell’ex rettore alla Procura della Repubblica di Catania “per una condotta appropriativa”. Lo stesso era anche capo amministratore dell’Istituto Giovanni XXIII di Riposto al quale era stata affidata la completa gestione economica della provincia siculo-napoletana dell’Ordine fondato da Camillo De Lellis.
L’avvocato Torrisi in merito all’incresciosa situazione ha detto: “Sulla vicenda immagino la Procura stia facendo accertamenti per verificare quanto abbiamo denunciato. Tutto il resto, la fuga d’amore e quant’altro, dal nostro punto di vista è del tutto irrilevante, è un dato neutro. L’unica cosa che noi rileviamo è la condotta appropriativa rispetto a somme che servivano per il sostentamento delle missioni, prevalentemente per quelle estere dei Camilliani. Riteniamo sia stata una condotta significativamente grave”.
Mons. Antonino Raspanti, vescovo della Diocesi di Acireale, con molto dispiacere è entrato nel merito della vicenda: “Posso comprendere le fragilità umane, ma sono amareggiato per questo gesto un po’ nascosto, di appropriazione”. Poi chiosa: “Non è proprio per niente bello”. Inoltre, mons. Raspanti ha precisato di: “non avere giurisdizione sui Camilliani, con i quali, essendo sul territorio, la Diocesi si coordina solo per alcune attività”. Il vescovo ha aggiunto: “Conosco bene il rettore perché a camilliani_casa_sollievo_san_camillo_acirealedicembre gli avevo affidato una serie di regali per fare un’asta di beneficenza. Sono andato con lui al pranzo di Natale con i poveri però ero ignaro completamente di qualunque tipo di difficoltà da parte sua”. L’alto prelato ha concluso dicendo di essere sollevato dall’aver saputo che i soldi dati dalla Diocesi, che finanzia in parte la mensa dei poveri dei Camilliani, “non sono andati in quel gruzzolo”.
Alcuni giornalisti hanno sentito il sacerdote, protagonista della vicenda, il quale si è detto pronto a restituire la somma mancante secondo le sue possibilità.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook