CRISI TEATRO STABILE CATANIA: VERTICE IN PREFETTURA

CRISI TEATRO STABILE CATANIA: VERTICE IN PREFETTURA

Crisi teatro Stabile. Si svolta una riunione chiarificatrice in prefettura sulla situazione economica dell’ente. Il sindaco: "Ci siamo impegnati a saldare i 5 mesi arretrati e a porre le basi per un rilancio". I sindacalisti presentano i documenti dell'indebitamento: "Crediamo che adesso sia necessario sbloccare il Durc partendo con la prima rateizzazione di 5 mila euro per poi entrare nel merito del fondo di rotazione a disposizione dei teatri che garantisce i loro debiti, potendo contare su ben 15 milioni di capienza”.

 

 

CRISI TEATRO STABILE CATANIA: VERTICE IN PREFETTURA –

Crisi teatro stabile. Riunione in prefettura sulla crisi economica che attanaglia il Teatro Stabile di Catania che vede le maestranze dell’ente senza stipendi da parecchi mesi e al limite del collasso economico. Al termine di una riunione presieduta nel Palazzo Minoriti dal prefetto Maria Guia Federico, il sindaco Enzo Bianco ha rassicurato dipendenti e sindacati che da giorni hanno incrociato le braccia manifestando con azioni eclatanti fino a bloccare gli spettacoli in cartellone. Il primo cittadino ha voluto placare gli animi dei lavoratori e dei sindacati: “Abbiamo voluto trasmettere ai lavoratori fiducia e serenità. Così, con un’azione sinergica tra la prefettura, il Comune e la Regione, abbiamo preso l’impegno di attuare entro la prossima settimana una serie di provvedimenti per pagare i cinque mesi di stipendi arretrati e subito dopo porre le basi per una pianificazione che rilanci il Teatro Stabile di Catania. Stiamo lavorando per la rateizzazione dei debiti con l’Inps facendo pagare alla Regione la prima rata in maniera da ottenere quel Durc che consentirà di sbloccare alcuni finanziamenti. Altri li potremo ottenere non appena sarà approvato il bilancio dell’ente e con questi fondi potranno essere pagati i lavoratori e riavviata l’attività”.
E ancora, in riferimento ai dati emersi durante l’incontro in prefettura Bianco ha affermato: “In questo momento  ci sono sei o sette milioni di debiti accumulati e dunque sono stati spesi più soldi di quelli che si incassavano. C’è dunque un teatro che non ha i conti in ordine e bisogna capire come sono state spese queste risorse, come è evidente in buona fede. Ma ci sarà tempo anche per chiarire eventuali responsabilità. Intanto dobbiamo lavorare perché lo Stabile deve riprendere a vivere, a funzionare, a respirare un clima di serenità e di equilibrio, con l’aiuto di tutti. Considero interessante anche la proposta del prefetto Maria Guia Federico di invitare i cittadini a fare l’abbonamento al teatro per sostenere la cultura”.
Dall’altra parte Cgil e Uil provinciali hanno consegnato al prefetto i documenti pubblici del Teatro Stabile che: “comprovano l’esistenza di ben 3,9 milioni di debito al 2014; soldi che si sommano a 1,4 milioni dichiarati oggi e maturati nel 2015 con interessi passivi legati a mancati pagamenti di tasse, per un totale di circa 7 milioni di euro”.teatro_stabile_vertice_prefettura
I responsabili sindacali affermano che: “La Regione ha sempre sostenuto di non conoscere l’esatto ammontare delle cifre di debito e questo nei mesi scorsi ha causato la mancata adesione al fondo di rotazione che avrebbe permesso al teatro e ai suoi dipendenti di ossigenare le casse ed evitare disagi e i gravi ritardi negli stipendi. Adesso non sarà più possibile dire che non ci sono gli strumenti per conoscere la verità sullo Stabile. Chi pensa che ci siano stati problemi o irregolarità nelle gestioni precedenti non ha che da dirlo alle autorità preposte. Noi oggi abbiamo fornito un grande contributo per una trasparenza reale. Nei documenti abbiamo trovato la fotografia della situazione debitoria sino a tutto il 2014”.
I sindacalisti in conclusione intervengono avanzando alcune proposte: “Crediamo che adesso sia necessario sbloccare il Durc partendo con la prima rateizzazione di 5 mila euro per poi entrare nel merito del fondo di rotazione a disposizione dei teatri che garantisce i loro debiti, potendo contare su ben 15 milioni di capienza. Si accederà ai 400 mila euro ministeriali e ai 307 mila euro giacenti alla Regione. Di certo temiamo molto i tempi lunghi: se tutto andrà per il verso giusto passeranno comunque settimane prima che i lavoratori possano essere pagati”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook