ARS CANCELLA ACCORDO SU CONTENZIOSI CONTRO LO STATO

ARS CANCELLA ACCORDO SU CONTENZIOSI CONTRO LO STATO

L'Ars impone alla Regione di cancellare l'accordo sui contenziosi che avrebbero portato nell'Isola solo 5oo milioni contro i cinque miliardi di euro dovuti dallo Stato.

 

 

ARS CANCELLA ACCORDO SU CONTENZIOSI CONTRO LO STATO –

Ars. L’assemblea Regionale Siciliana mette in crisi la giunta Crocetta e impone di tornare a Roma per cancellare il punto 6 dell’accordo del 5 giugno 2014, con il quale la Regione rinunciava agli effetti delle sentenze favorevoli sui contenziosi con lo Stato sollevati innanzi alla Corte costituzionale. Un colpo di spugna per incassare circa 500 milioni di euro. Pochi e subito, si predicò allora. Gli autonomisti del Mpa avevano definito la cifra irrisoria e secondo gli stessi, la Sicilia aveva così rinunciato in questo modo a una somma ben diversa, 5 miliardi di euro. Per questi motivi hanno presentato una mozione ad ‘hoc’ che ha ottenuto un consenso trasversale tra i parlamentari aula_parlamentare_regione_sicilianasiciliani, infatti, il testo, è stato approvato con 37 voti favorevoli e 31 contrari.
Uno dei principali promotori, Toti Lombardo, il figlio dell’ex presidente della Regione Raffaele che si ritiene soddisfatto per il risultato ottenuto: “Oggi è una giornata storica per il parlamento siciliano e per il popolo che rappresenta. Il governo Crocetta e la sua maggioranza trasformista a guida Pd escono sconfitti e dovranno ora tornare a Roma per cancellare un accordo che aveva calpestato 60 anni di autonomia”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook