Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

LOTTA TRA CLAN: OPERAZIONE ANTIMAFIA NEL CATANESE, 28 FERMI

LOTTA TRA CLAN: OPERAZIONE ANTIMAFIA NEL CATANESE, 28 FERMI

I Carabinieri hanno condotto una serie di fermi contro la mafia. Gli investigatori hanno documentato numerosi incontri tra esponenti della famiglia calatina dei Santapaola e del clan Nardo di Lentini. Gli arresti sono 28, tutti gravemente indiziati di associazione mafiosa, omicidio, estorsione e reati in materia di armi.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

LOTTA TRA CLAN: OPERAZIONE ANTIMAFIA NEL CATANESE, 28 FERMI –

Lotta tra clan mafiosi. Stamane all’alba, Blitz antimafia. I carabinieri del Ros assieme ai militari dei comandi provinciali di Catania, Ragusa, Siracusa ed Enna, stanno eseguendo un decreto di fermo nei confronti di 28 persone, tutte “gravemente indiziate” di associazione mafiosa, omicidio, estorsione e reati in materia di armi. Da quanto emerge gli investigatori, “in una fase delicata di transizione degli equilibri di potere nel territorio” tra diverse famiglie mafiose, il provvedimento di fermo, emesso dalla procura distrettuale antimafia di Catania, si è reso “necessario per scongiurare ulteriori, imminenti, gravi fatti di sangue”. Il provvedimento di fermo è stato emesso dopo un’articolata attività investigativa condotta dal Ros nei confronti della famiglia mafiosa di Caltagirone (Catania), di cui sono stati ricostruiti gli assetti organizzativi, gli ambiti operativi e le relazioni con altri sodalizi mafiosi anche esterni alla provincia di Catania.ros_carabinieri_28_arresti
Inoltre, le indagini, hanno consentito di accertare le responsabilità del gruppo mafioso in un duplice omicidio commesso a Raddusa (Catania) e hanno accertato numerosi incontri tra gli esponenti di vertice di cosa nostra della famiglia calatina dei “Santapaola” e del clan “Nardo” di Lentini (Siracusa). Il vertice mafioso avrebbe avuto due aspetti, il primo di individuare il rappresentante provinciale di Catania, secondo, la gestione condivisa dei proventi estorsivi derivanti da appalti pubblici e privati.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook