Archiviato in | Musica, Spettacolo

NOA SEGNA IL SUO SUCCESSO AL BELLINI DI CATANIA

NOA SEGNA IL SUO SUCCESSO AL BELLINI DI CATANIA

Come se non bastasse, in omaggio alla terra sicula che la ospitava, si è esibita anche in due canti siciliani: «Cantare Rosa Balistreri su questo palco questa sera mi fa tremare il cuore – dice emozionata – questa canzone, scritta moltissimi anni fa per la Sicilia, mi fa pensare alla mia terra intrisa di sangue e lacrime». Il concerto adesso è intimo. L’orchestra è ferma e Noa canta con il solo ausilio della chitarra di Gil Dor come se stesse facendo un signolo concerto per ognuno dei presenti.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

NOA SEGNA IL SUO SUCCESSO AL BELLINI DI CATANIA –

Orchestra al completo diretta dal Maestro Domenico Sanfilippo, sulla destra Gil Dor con la sua chitarra e poco a sinistra, ma sempre centrale, Noa. Sorridente fa il suo ingresso in abito nero lungo e dopo un cenno inizia a cantare: Shalom è il suo saluto ed anche la prima canzone.
Non serve nessuna presentazione: il pubblico, che ha letteralmente riempito il teatro, è rapito. Già travolto e ricco di aspettativa, applaude ad ogni brano. Alla terza canzone è Noa stessa a prendere la parola. Si scusa del suo italiano e supportata da alcuni appunti su un paio di fogli dà un senso a coloro che sono estranei alla lingua dei suoi testi: «Bereshit – ha detto rivolgendosi al suo pubblico – significa creazione. Questa è la storia di come Dio ha creato tutte le cose e di come tutto è cambiato nel momento in cui ha creato l’uomo». Da quel momento è stato un crescendo di emozioni e di sorprese: dall’uso di bonghi e congas, con cui ha incantato per la sua straordinaria velocità e maestria, alla canzone fischiettata, per non parlare delll’uso del suo stesso petto, battuto fra l’altro con molta forza, come percussione.
Noa è un’artista a 360 gradi: capace di coinvolgere il pubblico e di emozionare chiunque le stia intorno. Dal suo chitarrista, Gil Dor, agli stessi membri dell’orchstra, compreso il Maestro Sanfilippo, tutti la ammiravano incantati. Noa è di una complessa semplicità: una donna senza sfarzi, vizi né superbia, ricca solo dell’amore Noa_teatro_massimo_bellini_2per la musica e per l’arte e delle esperienze forti che porta con sé.
Cambio d’abito: dopo una pausa musicale solo di orchestra rientra come una dea in un abito bianco dalle rifiniture dorate.
Ha barattato il tacco con la ballerina e questo la fa apparire ancora più dinamica e vicina al suo pubblico. Canta, si emoziona, parla della canzone che ha imparato dalla nonna, di quella che è stata creata da Gil Dor partendo da alcune canzoni per bambini e di quella scritta per Papa Wojtyla, immaginandolo da ragazzo, quando aveva una giovane fidanzata ebrea, mentre si rivolge alla luna e le chiede in quale lingua si debba pregare.
Cangiante, ma adatta a ogni stile, nel dichiarare il suo grande amore per l’Italia si esibisce in 3 canti napoletani. Sentire una voce come quella di Noa cantare I’ te vurria vasà, immaginando poi il background che si porta dentro, è stato un momento magico per tutti i presenti. In un batter d’occhio è già arrivata ai ringraziamenti e lo fa cantando, nominando uno per uno chi le è stato d’aiuto e complimentandosi quasi commossa con l’orchestra del Teatro Massimo Bellini.
Come se non bastasse, in omaggio alla terra sicula che la ospitava, si è esibita anche in due canti siciliani: «Cantare Rosa Balistreri su questo palco questa sera mi fa tremare il cuore – dice emozionata – questa canzone, scritta moltissimi anni fa per la Sicilia, mi fa pensare alla mia terra intrisa di sangue e lacrime». Il concerto adesso è intimo. L’orchestra è ferma e Noa canta con il solo ausilio della chitarra di Gil Dor come se stesse facendo un signolo concerto per ognuno dei presenti.
Le sorprese della cantante, però, non sono ancora finite. Entrano fisarmonica e mandolino ed è il momento, quasi solenne, di Beautiful that way. «Sono costretta a farla ogni volta – aveva detto il giorno prima durante l’incotro con gli studenti dell’Università di Catania – ma non mi stanco mai, perché amo questa canzone» e il suo amore è arrivato a tutti, onorati di poter sentire dal vivo un premio oscar orgoglio italiano.
La fine arriva con un Amen, quello dell’Ave Maria con cui sceglie di congedarsi tra gli applausi e l’emozione. Un concerto unico che non può che convincerci che un’esibizione di Noa vada vista almeno una volta nella vita.

Benedetta Intelisano

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook