Archiviato in | Arte e Cultura, Incontri, Università

NOA CON GLI STUDENTI DELL’ATENEO – VIDEO

NOA CON GLI STUDENTI DELL’ATENEO – VIDEO

Noa si svela sorridente e disponibile per i fan di tutte le età che sono venuti ad incontrarla, ma al contempo seria e ben ferma nelle sue opinioni. Attenta a ogni parola, con l’interesse che a tutti arrivasse la giusta traduzione.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

NOA CON GLI STUDENTI DELL’ATENEO – VIDEO –

Molto partecipato l’’incontro con la celebre cantante israeliana Achinoam Nini, in arte, Noa, che si è tenuto lunedì 4 aprile nell’aula 3 del Palazzo centrale dell’Università di Catania. Tanti studenti, qualche docente, fan secolari, ma soprattutto tante domande.
A occupare il tavolo degli ospiti, oltre la cantante, anche l’amico e chitarrista Gil Dor – che sarà sul palco del Teatro Bellini insieme a Noa nelle serate del 5 e del 6 aprile – il professore Salvatore Marano, docente di lingua inglese dell’Università di Catania che si è occupato della traduzione e Benedetta Intelisano, studentessa e rappresentante della radio d’Ateneo, Radio Zammù, ente promotore dell’evento.
Ad aprire l’incontro il Magnifico Rettore, Giacomo Pignataro, che nel porgere i suoi saluti, orgoglioso della partecipazione e del coinvolgimento dell’ateneo, si è premurato di rammentare quanto sia fondamentale l’incontro tra università e personalità di rilievo del mondo della cultura. Una pratica quasi in disuso nei contesi accademici, ma che l’Università di Catania sta tentando di recuperare già da un po’ di tempo.
Qualche domanda per rompere il ghiaccio: il fine è quello di comprendere il ruolo che svolgono gli artisti in quanto influencer e, nello specifico, il ruolo di quelli che come Noa svolgono il loro “mestiere” in un ottica non meramente di spettacolo, ma volta al sociale e alla diffusione di principi di solidarietà e uguaglianza. Achinoam Nini parla della sua terra, Israele, confrontandola con l’Italia: «Sono innamorata dell’Italia, della Sicilia in particolare. Qui si parla sempre di cibo, a tavola si fa chiasso e confusione, si chiacchiera, si sta allegri. Io voglio un’Israele che a tavola parli di cibo e non di guerra.»
Alternando inglese e italiano si ripercorrono momenti storici importanti, finalizzati a dimostrare che la violenza è ovunque e c’è da sempre. Il ruolo dell’artista, ma prima di tutto del genitore e prima ancora di ognuno di noi è quello di essere un «esempio di responsabilità civile» per tutti e per i nostri figli. Di tanto intanto interviene anche Gil Dor, per riportare qualche esempio, aneddoto o storia importante: «Cosa sta facendo il professore Marano a questo tavolo? – chiede durante l’incontro – Non è solo un traduttore, lui sta offrendo pari opportunità.»
Spunti, temi di spessore, argomenti sui quali riflettere è inevitabile, ma non mancano le battute e le occasioni di sorriso. Come la sua reazione ironica allo squillo di un cellulare nel momento di maggiore tensione di unnoa_studenti_università_ct tragico aneddoto, o come l’imitazione della voce di Roberto Benigni che la chiama per complimentarsi con lei della sua interpretazione di Beautiful that way, la colonna sonora di Nicola Piovani del film La vita è bella.
Noa si svela sorridente e disponibile per i fan di tutte le età che sono venuti ad incontrarla, ma al contempo seria e ben ferma nelle sue opinioni. Sorridente e disponibile per i fan di tutte le età che sono venuti ad incontrarla, ma al contempo seria e ben ferma nelle sue opinioni. Noa attenta a ogni parola, con l’interesse che a tutti arrivasse la giusta traduzione.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook