Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

AEROPORTO NEL CAOS, FEDERCONSUMATORI ATTACCA LA SAC

AEROPORTO NEL CAOS, FEDERCONSUMATORI ATTACCA LA SAC

La Federconsumatori di Catania accusa la società che gestisce l'aeroporto, i passeggeri: Considerati, come spesso accade, soltanto come oggetti da spremere, sono stati lasciati all'oscuro del fatto che le operazioni dei controlli antiterrorismo non sarebbero state gestite in tempi ragionevoli".

 

 

AEROPORTO NEL CAOS, FEDERCONSUMATORI ATTACCA LA SAC –

Aeroporto nel caos. Il presidente provinciale della Federconsumatori di Catania, Salvo Nicosia, interviene in merito al rafforzamento delle misure di sicurezza applicate prima dell’imbarco dei voli e e di conseguenza ai forti ritardi nell’acceso dei viaggiatori ai varchi dell’aerostazione di Fontanarossa. “La responsabilità dei gravi disagi per i passeggeri nell’aeroporto di Catania, legati in massima parte alla disorganizzazione strutturale dello scalo, è certamente della Sac, la società a cui è affidato il compito di’amministrare, gestire e coordinare le infrastrutture aeroportuali, nel rispetto degli standard tecnici di sicurezza’. A pagare, quindi, non possono essere i passeggeri delle compagnie aeree”. La Federconsumatori di Catania sta valutando le iniziative per ottenere il risarcimento dei passeggeri danneggiati, così come per informare l’autorità giudiziaria dei reati che potrebbero essere stati commessi, primo fra tutti l’interruzione di pubblico servizio.
Sempre Nicosia evidenza che: “In questi giorni, e soprattutto venerdì e sabato le conseguenze dell’inadeguatezza organizzativa della società a cui la Sac ha affidato la gestione della sicurezza nello scalo catanese sono state pagate dai passeggeri, a decine, lasciati a terra, perché le operazioni di controllo non sono state espletate in tempi compatibili con gli orari di imbarco dei voli. Viene da chiedersi se la Sac avesse avvertito le compagnie e i viaggiatori che, causa della propria insufficienza operativa, i tempi dei controlli ai varchi di sicurezza si sarebbero dilatati al di là di ogni fisiologico rallentamento. Considerati, come spesso accade, soltanto come oggetti da spremere, i passeggeri sono stati lasciati all’oscuro del fatto che le operazioni dei controlli antiterrorismo non sarebbero state gestite in tempi ragionevoli”.
Il responsabile della consulta giuridica di Federconsumatori Catania, Daniele Di Grazia fa notare che: “se, da una parte, i recenti eventi terroristici hanno

imposto, in ambito internazionale, maggiori controlli, dall’altra non si giustificano le interminabili code che, non solo hanno causato disagi e danni economici ai passeggeri, ma, paradossalmente, hanno potenzialmente messo in pericolo gli stessi viaggiatori, considerato che nessuno poteva escludere che un terrorista si facesse esplodere all’esterno dell’aeroporto, dove erano assembrati centinaia di persone in attesa di entrare nell’aerostazione. Per la Federconsumatori, risulta dunque inaccettabile che, a fronte di una situazione di emergenza, la Sac avesse disposto l’apertura di solo tre varchi di accesso, senza informare i passeggeri e le compagnie aeree, affinché, anche con l’intervento dell’Enac, venissero pensate, in tempo, forme di “riprotezione” dei passeggeri, ai quali, sostanzialmente, è stato impedito di fruire di alcuni voli per Milano, Roma, Bologna e non solo”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook