Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

REFERENDUM TRIVELLAZIONI, IN SICILIA POCA INFORMAZIONE

REFERENDUM TRIVELLAZIONI, IN SICILIA POCA INFORMAZIONE

Mancano meno di 3 settimane dal voto sulle trivelle in Sicilia e ancora solo il 23% dei siciliani è informato, è quanto emerge da un sondaggio effettuato da Demopolis. Intanto, l'opinione pubblica è contraria alle estrazioni in mare ed è in crescita l’attenzione all'ambiente.

 

 

REFERENDUM TRIVELLAZIONI, IN SICILIA POCA INFORMAZIONE –

Referendum trivellazioni. È cresciuto di 20 punti, negli ultimi 16 anni, l’indice di attenzione in tema ambientale: il dato, rilevato dall’Istituto Demopolis, era del 43% nel 2000 e raggiunge oggi il 63% con una crescita di oltre 10 punti negli ultimi 5 anni. Ampia contrarietà dell’opinione pubblica siciliana alle estrazioni negli spazi di mare entro le 12 miglia dalle coste.
A meno di 3 settimane dal referendum, appena il 23% dei siciliani si dichiara informato sull’appuntamento elettorale: un dato più basso rispetto alla media nazionale rilevata dall’Istituto Demopolis. Secondo il sondaggio condotto dall’Istituto diretto da Pietro Vento, il 74% degli italiani vieterebbe, alla scadenza, il rinnovo delle attuali concessioni per le estrazioni in mare entro le 12 miglia. Di parere diverso è il 26%, poco più di un quarto dei cittadini interpellati. Il dato raggiunge l’80% in Sicilia, ben oltre la media nazionale rilevata da Demopolis per il programma televisivo di La7, ‘Otto e Mezzo’: nell’Isola 8 cittadini su 10 si dichiarano contro le trivellazioni.
In questo clima di crescente attenzione all’ambiente, non stupisce che i cittadini, se chiamati in causa, manifestino ampie riserve sulle trivellazioni negli spazi di mare entro le 12 miglia dalle coste: è il tema del quesito referendario, promosso da 9 Regioni con il sostegno di diverse associazioni, che non riguarda comunque le attività petrolifere sulla terraferma, nè quelle in mare a una distanza maggiore dalle coste. Il 43% teme possibili danni per il turismo, ritenuto fondamentale per lo sviluppo del Paese; per oltre un terzo dei cittadini, intervistati da Demopolis, la politica energetica italiana dovrebbe puntare in modo più deciso sulle fonti rinnovabili.
Prescindendo dalle convinzioni dei singoli abitanti della Sicilia, la validità o meno del referendum è TRIVELLE_GELAdeterminato dal raggiungimento del quorum del 50%. A circa 3 settimane dal voto, l’Istituto Demopolis ha misurato il grado di conoscenza dei cittadini. “Appena 1 elettore su 4 – spiega il direttore di Demopolis Pietro Vento –  si dichiara informato sull’appuntamento elettorale. Il 34% ammette di non saperne assolutamente nulla; il 41% degli italiani sostiene di aver sentito parlare genericamente del referendum sulle trivellazioni, ma di non sapere che si voterà il 17 aprile”. Il dato di conoscenza è ancora più basso nell’Isola: appena il 23% dei siciliani si dichiara informato sul Referendum.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook