BIBBIA DEL CAVALLINI ESPOSTA DOPO 17 ANNI

BIBBIA DEL CAVALLINI ESPOSTA DOPO 17 ANNI

Quasi un migliaio di visitatori per l’esposizione al pubblico dopo 17 anni dello storico volume del 1300 custodito nella biblioteca Ursino-Recupero dell'Università di Catania. Oltre alla visita per ammirare la Bibbia, si è tenuto un viaggio intenso all’interno delle Sacre Scritture, con moltissimi riferimenti alla filosofia antica e moderna e “sconfinamenti” leciti nella letteratura e nell’arte. Ospite d’onore il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

BIBBIA DEL CAVALLINI ESPOSTA DOPO 17 ANNI –

Bibbia del Cavallini Catania. L’ultima esposizione della “Bibbia di Catania” risale al 1999, avvenuta all’interno dei saloni della biblioteca che la custodisce. nel 1954 era stata esposta soltanto a Roma e poi a  Bruxelles nel 1965. la manifestazione che l’Università di Catania ha promosso insieme al Pontificio Consiglio della Cultura, si è conclusa ieri sera al Monastero dei Benedettini. Per realizzare questo appuntamento di rilievo nazionale, l’Ateneo catenese ha potuto contare sulla fattiva collaborazione del Comune, bibbia_cavallinidell’Arcidiocesi, del Rettorato di San Nicolò, delle Biblioteche riunite Civica e Ursino Recupero, dell’IbamCnr e del Teatro Massimo Bellini. Poco più di un migliaio di visitatori hanno atteso ieri mattina l’apertura delle porte della cortile_dei_gentili_rovelli_ravasi_zavattaroSala Vaccarini che si trova all’interno della Biblioteca Ursino Recupero, recentemente restaurata. Per poter consentire di essere ammirata da vicino, la Bibbia, realizzata da Pietro Cavallini, è stata collocata in maniera visibile e facilmente raggiungibile all’interno della stanza. Il pregiatissimo volume, ancora si mantiene in ottime condizioni, a dispetto dei suoi tre secoli di vita, anche perché adeguatamente protetta da una teca di sicurezza e da tutte le accortezze del caso. Per l’occasione l’ensemble cameristico del Coro Lirico siciliano ha eseguito una rara edizione dei Mottetti Sacri di Alessandro Scarlatti. La riscoperta del capolavoro miniato, che nel 1700 venne ad arricchire l’imponente biblioteca dei padri benedettini di San Nicolò l’Arena, è stato uno dei momenti clou del ricco programma. Un tesoro che finora è stato quasi una fugace ‘cometa’ nel cielo etneo ma che, d’ora in poi, per merito della complessa opera di digitalizzazione condotta dall’Istituto per i beni archeologici e monumentali del Cnr diretto dal prof. Daniele Malfitana, potrà essere facilmente consultata su supporto multimediale. Esposte e ispirate al tema della manifestazione, la luce, le opere dei pittori del Gruppo di Scicli, Piero Guccione, Sonia Alvarez, Carmelo Candiano, Giuseppe Colombo, Franco Polizzi, Giuseppe Puglisi, Franco Sarnari e Piero Zuccaro , realizzazioni artistiche che è possibile ammirare nella sala Vaccarini della Biblioteca da domani e fino a venerdì prossimo (dalle 9 alle 13). Inoltre sono in mostra nelle biblioteca_recupero_ursino_ct_sala_vaccariniCucine del Monastero, le immagini del fotografo Giovanni Chiaramonte, visitabili da oggi fino a sabato prossimo, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18. Un appuntamento denso di eventi e significati, la tappa catanese de ‘Il Cortile dei Gentili’, fortemente voluta dal rettore Giacomo Pignataro perché incentrata su una visione “laica” del dialogo tra credenti e non credenti e sul confronto, di altissimo livello, tra fede, scienza e arte.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook