Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

AGRIGENTO: SEQUESTRATI 71MLN DI EURO AI RUSSELLO

AGRIGENTO: SEQUESTRATI 71MLN DI EURO AI RUSSELLO

Guardia di Finanza di Palermo sequestra beni per un valore di 71 milioni di euro ai fratelli imprenditori Carmelo e Calogero Russello. L’accusa è di aver avuto rapporti con Cosa nostra. Nel mirino il caso del Grand Hotel Mosè.

 

 

AGRIGENTO: SEQUESTRATI 71MLN DI EURO AI RUSSELLO –

Agrigento. La Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Agrigento ha firmato un mandato di sequestro beni in applicazione delle norme antimafia, nei confronti dei fratelli Carmelo e Calogero Russello, nota famiglia di imprenditori. L’atto è in fase di esecuzione da parte del nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Palermo. Il valore complessivo è quantificato in circa 71 milioni di euro. L’oggetto della confisca sono: 10 aziende agrigentine operanti nell’edilizia, nella ristorazione, nel commercio e nel settore alberghiero; 111 beni immobili; oltre 100 rapporti finanziari, nonché diverse autovetture. Il provvedimento prevede la confisca di 50 milioni di beni sequestrati nel 2013 dal Gico della guardia di finanza e il sequestro, con contestuale confisca, di altri 21 milioni di beni.
Nei confronti dei fratelli Russello erano già stati eseguiti, sequestri patrimoniali per un valore che oggi, per effetto del buon lavoro svolto dall’amministratore giudiziario, si attesta sui 50 milioni di euro. Le indagini furono svolte dal Gico del Nucleo di Polizia Tributaria di Palermo nel 2013. Le Fiamme Gialle palermitane intanto hanno eseguito nuovi controlli, che hanno permesso di individuare ulteriori beni riconducibili ai fratelli, del valore di circa 21 milioni di euro e di suggerirne il sequestro. Intanto, il Tribunale di Agrigento ha disposto la confisca dei beni sequestrati nel 2013 e il sequestro, con contestuale confisca, degli ulteriori patrimoni individuati dal Gico di gdf_auto3Palermo.
Nel mirino degli inquirenti il caso del Grand Hotel Mosè di Agrigento, rilevato dall’amministrazione giudiziaria nel 2013 in condizioni di imminente chiusura, in soli due anni, sotto la gestione dello Stato, ha pressoché triplicato il numero dei dipendenti e raddoppiato il fatturato. Questo ha fatto contribuito anche a fare salire il valore del bene adesso confiscato. Tra le imprese sequestrate e contestualmente confiscate con il nuovo provvedimento, invece, figurano società di costruzioni già aggiudicatarie di appalti pubblici a Palermo, Agrigento, Gela e Caltanissetta, che da oggi saranno affidate all’amministrazione giudiziaria.
Calogero Russello, fu arrestato nel 2004 nell’ambito dell’operazione ‘Alta Mafia’, è stato condannato con sentenza definitiva per associazione mafiosa, per vicende riguardanti appalti e voto di scambio. Carmelo Russello è invece incensurato, il cui legame con il fratello Calogero è stato considerato però “funzionale all’agevolazione dell’organizzazione criminale mafiosa”. Oltre alle indicazioni di pentiti sul suo conto, Carmelo Russello, così come emerso durante indagini eseguite negli scorsi anni, sarebbe stato incaricato da personaggi di notevole spessore criminale.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook