Archiviato in | Musica, Spettacolo

IL TROVATORE, LA PRIMA AL MASSIMO BELLINI DI CATANIA – IL VIDEO

IL TROVATORE, LA PRIMA AL MASSIMO BELLINI DI CATANIA – IL VIDEO

Una performance impeccabile, fatta da scenografie essenziali ed efficaci curate da Renzo Giaccheri, che oltre all’allestimento riguardante il periodo storico, si è occupato anche della regia e dei costumi. Abiti nobili e ingegnosi, di grande fattura e ricchi di dettagli, che hanno fatto viaggiare nel tempo, verso altre epoche, anche i meno esperti.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

IL TROVATORE, LA PRIMA AL MASSIMO BELLINI DI CATANIA – IL VIDEO

Teatro Massimo Bellini. Ieri sera in scena la prima de “Il Trovatore” di Giuseppe Verdi. Si tratta del secondo appuntamento della stagione lirica 2016 dopo La Fedra di Paisiello rimasta in teatro per tutto il mese di gennaio.
il_trovatore_5Una performance impeccabile, fatta di scenografie essenziali ed efficaci curate da Renzo Giaccheri, che oltre all’allestimento riguardante il periodo storico, si è occupato anche della regia e dei costumi. Abiti nobili e ingegnosi, di grande fattura e ricchi di dettagli, che hanno fatto viaggiare nel tempo, verso altre epoche, anche i meno esperti.
L’opera, divisa in 4 atti e con 8 scene differenti, ha mantenuto un ritmo costante e una velocità tale da catturare il pubblico, rimasto attento e affascinato per tutta la durata dello spettacolo. A scandire l’andamento il_trovatore_3dell’intreccio i picchi emozionali del dramma, vissuti con trasporto dai presenti.
Pose statuarie quelle dei protagonisti: dei veri e propri quadri che prendevano vita sul palco e si calavano ora nel dolore e nello strazio, ora nel giubilo e nella passione. Tanto apprezzati il baritono Giuseppe Altomare, nel ruolo del Conte di Luna e la first lady protagonista, Dimitra Theodossiou, nel personaggio di Leonora. Particolarmente acclamate, invece, le performance di Nidia Palacios, nel ruolo di Azucena, e di Angelo Villari, nella figura di Manrico, Il Trovatore.


Non meno applauditi i ruoli secondari: i giovanissimi Ines e Ruiz (Valeria Fisichella e Riccardo Palazzo), il fedele Ferrando (Francesco Palmieri) e Alessandro Vargetto, nella figura dello zingaro.
Stending ovation per coro e orchestra del Teatro Massimo: l’uno diretto dal Maestro Ross Craigmile, l’altra dal Direttore Gianna Fratta. Punti di forza della rappresentazione, hanno dato vita al capolavoro Verdiano rendendo poesia ogni nota e ogni respiro.
ol_trovatore_4Una dama contesa, un Conte accecato, una zingara condannata e un uomo innamorato: amore, violenza, morte e vendetta. Al Teatro Bellini di Catania, fino al 13 marzo, esemplare rappresentazione del connubio Cammarano- il_trovatore_2Verdi che dagli anni 50 dell’800 incanta generazioni di spettatori.

Benedetta Intelisano

 

 

 

 

 

 

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook