CONSERVATORIO PALERMO: DUE PROGETTI PER LE SCUOLE

CONSERVATORIO PALERMO: DUE PROGETTI PER LE SCUOLE

27 febbraio all’insegna dei concerti con La mia scuola diventa conservatorio e la Maratona Musicale al Conservatorio di Palermo.

 

 

 

CONSERVATORIO PALERMO: DUE PROGETTI PER LE SCUOLE –

Ben due le iniziative promosse dal Conservatorio di Palermo e previste per sabato 27 febbraio: alle 11, al Teatro Politeama Garibadi, l’evento conclusivo del progetto La mia scuola diventa conservatorio con lo spettacolo Ditirammu basato sul testo omonimo del poeta Giovanni Meli. A partire dalle 16, invece, nella Sala Scarlatti si terrà la seconda tappa della Maratona Musicale dei sei Conservatori Siciliani.
Per tutto il 2015 alcuni studenti laureandi dei corsi di musica del Conservatorio si sono impegnati a offrire lezioni agli studenti di alcune scuole palermitane: una preziosa occasione di crescita individuale e collettiva sia per i 370 ragazzi provenienti dalle 12 scuole palermitane coinvolte, sia per i giovani insegnanti, coordinati dai docenti Fulvia Ricevuto e Paolo Giacchino e dalla dirigente Irene Marcellino. Il risultato del progetto è proprio il Ditirammu: opera scritta a più mani da Valentina Grisafi, Andrea Lauria, Salvatore Passantino e Francesco Rossi, che vede protagonisti la voce recitante di Maurizio Maiorana, il coro di voci bianche e orchestra giovanile eseguiti dall’ensemble vocale e strumentale dei corsisti, e la direzione di Alberto Maniaci.Zingaretti_Luca_e_Luisa_Ranieri
Nel pomeriggio ci sarà la Maratona Musicale promossa dai sei Conservatori di Musica siciliani: da Trapani, Messina, Caltanissetta, Catania, Ribera e Palermo arriveranno solisti, gruppi strumentali e vocali di diversa tipologia per esibirsi uno dopo l’altro per la loro causa. Il fine degli artisti è quello di rendere pubbliche le gravi problematiche che si celano dietro il sistema nazionale di Alta Formazione Artistica e Musicale. Il concerto, infatti, avrà inizio solo dopo la lettura e la distribuzione al pubblico della Mozione votata all’unanimità a Roma lo scorso 27 gennaio dalle Conferenze riunite dei Presidenti, Direttori e Studenti dei Conservatori Italiani.
Pochi sanno che la ritardata emanazione dei regolamenti attuativi che riguardano il nuovo sistema di reclutamento, l’ordinamento di tutti i corsi di studio, l’incremento delle risorse e la statalizzazione dei Conservatori finora finanziati dagli enti locali ha messo in crisi l’istruzione artistica e musicale. Al momento, infatti, v’è una gravissima situazione economico-finanziaria proprio a causa della soppressione delle Province e dei gravosi tagli ai Comuni. La mancata statalizzazione ha già causato la chiusura di tanti, troppi istituti, ed è bene che la gente venga messa al corrente di ciò che sta accadendo.
Tutti i partecipanti sono pronti ad accogliere coloro i quali vorranno prendere parte alle manifestazioni, entrambe ad ingresso libero e fino ad esaurimento posti.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook