Archiviato in | Spettacolo, Teatro

STABILE CATANIA: IN SCENA LO SCANDALO ‘BORGHESE’

STABILE CATANIA: IN SCENA LO SCANDALO ‘BORGHESE’

La grande notorietà di Arthur Schnitzler e il successo che lo accompagnarono in vita provocarono un interesse per lui e la sua opera da parte del padre della psicoanalisi, Sigmund Freud, il quale lo considerava un po' una specie di suo "doppio". Questo fatto provocava allo scrittore austriaco un misto di attrazione e timore.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

STABILE CATANIA: IN SCENA LO SCANDALO ‘BORGHESE’ DI SCNITZLER –

Il 23 febbraio (e fino al 28 febbraio) al Teatro Stabile Verga di Catania è andato in scena: Scandalo di Arthur Schnitzler. Ambientato all’inizio del Novecento, nei salotti della ricca borghesia viennese, il testo ferocissimo dello scrittore austriaco è la storia di una emarginazione: Toni (Astrid Meloni) è una ragazza di

Stefania Rocca - Attrice

Stefania Rocca – Attrice

una classe sociale povera che fa innamorare il ricco rampollo di una famiglia e da lui aspetta un figlio. Ma il giovane muore e lei resta a far parte di una famiglia che non la vuole, non la accetta, la osteggia e la considera una “diversa”. Della famiglia fa parte, appunto, Stefania Rocca che è Emma Weber la sorella della moglie del capofamiglia, l’attore Franco Castellano, nello spettacolo diretto da Franco Però con la compagnia stabile del Teatro del Friuli Venezia Giulia (Filippo Borghi, Adriano Braidotti, Federica De Benedittis, Ester Galazzi, Andrea Germani, Lara Komar, Riccardo Maranzana) . Arthur Schnitzler (Vienna, 15 maggio 1862 – Vienna, 21 ottobre 1931)

Franco Però - Regista

Franco Però – Regista

è stato uno scrittore, drammaturgo e medico austriaco. È conosciuto soprattutto per aver messo a punto un artificio narrativo conosciuto come «monologo interiore» al quale fece spesso ricorso nelle sue opere per descrivere lo svolgersi dei pensieri dei suoi personaggi. La grande notorietà e il successo che lo accompagnarono in vita

Franco Castellano - Attore

Franco Castellano – Attore

provocarono un interesse per lui e la sua opera da parte del padre della psicoanalisi, Sigmund Freud, il quale lo considerava un po’ una specie di suo “doppio”. Questo fatto gli provocava un misto di attrazione e timore. Ma tornando allo spettacolo, che la compagnia ha avuto il pregio di rappresentare per la prima volta in Italia, riportiamo le parole del regista Franco Però: «Ogni termine scelto per il titolo, tralasciava qualcosa dell’originale Das Vermächtnis, che in austriaco significa lascito, eredità. Allora ci siamo chiesti: perché non cercarlo tra gli effetti che questo lascito provoca nella vita della famiglia? Perché è su questo che si snoda la trama della commedia. E allora scopri che

Arthur Schnitzler - Scrittore, drammaturgo e medico austriaco.

Arthur Schnitzler scrittore, drammaturgo e medico austriaco.

proprio in un allestimento tedesco, compare la parola scandalo. Ecco: scandalo, ma proprio nel senso antico del termine greco, (skàndalon), ovvero ostacolo, insidia». Mirabile la scelta della scenografia sobria caratterizzata da una chaise longue centrale (letto da pisolino pomeridiano o letto da psicanalista) dove a turno tutti i protagonisti della piece teatrale svolgono il loro «monologo interiore». Raffinati i costumi, caratterizzati da colori neutri, nonostante il lutto quasi iniziale della rappresentazione; dinamici i giochi, quelli di una volta, la palla di carta, il cavalluccio, le costruzioni di legno, il mappamondo che gira, le carte da gioco, che gli attori utilizzano per dinamizzare e alleggerire i dialoghi, che in primo acchito potrebbero apparire di pesante comprensione. Lieve e a volte spiazzante quasi surreale, l’approccio dell’accoglienza« dell’altro», come «altro da sè», che il regista per scelta opportunamente sistema, con sedie alloggiate come in una sala d’aspetto, al di fuori della scena o dietro un armadio, quasi a voler richiamare i personaggi, nascosti tra un io reale e un sé subconscio, protagonisti della fluidità della vita. E infine grande pregio per la «fotografia nitida» sul gioco di luci caratterizzanti lo stato d’animo degli attori rispecchianti le emozioni degli spettatori sbalorditi in platea.

Susanna Basile

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook