Archiviato in | Spettacolo, Teatro

FARFALLA…FARFALLA, SPLENDIDA ESIBIZIONE DELLA CACIALLI

FARFALLA…FARFALLA, SPLENDIDA ESIBIZIONE DELLA CACIALLI

“Farfalla… Farfalla”: meravigliosa Alessandra Cacialli al Teatro della Città. Edda, nella sola compagnia della domestica Didi, va cercando uditori che possano anche solo passivamente attingere ai suoi ricordi. Con straordinaria generosità, che non fa che celare un forte bisogno di attenzioni, offre ospitalità e servizi in cambio di compagnia e di considerazione. Esigenza che pur di essere soddisfatta la spinge ad attirare nella propria intimità domestica anche dei perfetti sconosciuti. Ed è proprio quello che accade con Elio: giovane passante (lo è davvero?) che chiede aiuto alla sua porta durante un brutto temporale.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

FARFALLA…FARFALLA: SPLENDIDA ESIBIZIONE DELLA CACIALLI –

Farfalla. «Farfallina bella e bianca vola vola e mai si stanca». Quella della farfalla, in fin dei conti, è una vita piuttosto invidiata: colorata, piena di vita, spensierata. Passando di fiore in fiore, uno più bello dell’altro, per poi morire nello sfarzo dei ricordi di una vita grandiosa. Senza invecchiare, portandosi dietro tutta la propria bellezza e la consapevolezza di aver incantato migliaia di creature. È la vita che ha scelto Edda: donna posata, matura, elegante; che da momenti di caricata civetteria passa d’improvviso a consapevole maturità, da folle padronanza di sé a lucido sconforto.
Edda, nella persona di una splendida Alessandra Cacialli, ha trasmesso ogni impeto del dramma in tutte le sue fasi: il sognante viaggio nei ricordi, l’amara accettazione di un tempo che non tornerà e la dirompente incapacità di accettarlo sul serio. Più d’ogni altra cosa, però, la solitudine. La peggiore delle malattie che spinge ai gesti più assurdi. Ed è così che prendono forma ricchezze, uomini meravigliosi e avventure, infiocchettati nell’illusione di avere tanto da raccontare e di poter essere d’insegnamento per qualcuno.
Edda, nella sola compagnia della domestica Didi (Foca nell’opera originale di Aldo Nicolaj), va cercando uditori che possano anche solo passivamente attingere ai suoi ricordi. Con straordinaria generosità, che non fa che celare un forte bisogno di attenzioni, offre ospitalità e servizi in cambio di compagnia e di considerazione. Esigenza che pur di essere soddisfatta la spinge ad attirare nella propria intimità domestica anche dei perfetti sconosciuti. E proprio questo è quello che alessandra_cacialli_farfalla_farfallaaccade con Elio: giovane passante (lo è davvero?) che chiede aiuto alla sua porta durante un brutto temporale.
Un pubblico maturo, quello del Teatro Brancati, attratto forse dalla facile immedesimazione nel dramma dell’opera. Attenta interpretazione di Debora Bernardi (Didi), che con la sua recitazione nella recitazione si è rivelata una bravissima cospiratrice. Melodrammatico il giovane Francesco Maria Attardi (Elio), i cui picchi di tensione, a volte troppo rigidi, hanno ben incattivito le azioni di orfano abbandonato in cerca rivalsa.
Scenografia ricercata, ricca di dettagli, che accoglieva il pubblico in salotto quasi come estensione del palcoscenico stesso. Una commedia in due atti ricca di colpi di scena che ha reso giustizia a un’opera italiana tanto famosa all’estero che, quasi come il povero Elio, reclamava la maternità dei palchi delle sue origini.

Benedetta Intelisano

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook