Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: MUORE IN OSPEDALE, 4 MEDICI INDAGATI

CATANIA: MUORE IN OSPEDALE, 4 MEDICI INDAGATI

A Giovanni Manna, 29 anni, non sarebbe stato diagnosticato un problema cardiaco. Trasferito al Ferrarotto, è deceduto dopo 11 giorni. Indagati 4 medici del Garibaldi

 

 

CATANIA: MUORE IN OSPEDALE, 4 MEDICI INDAGATI –

Catania. Il 17 gennaio scorso, era deceduto in ospedale un metronotte di 29 anni, Giovanni Manna. Il sostituto procuratore Angelo Brugaletta aveva aperto una inchiesta sulla morte dell’uomo. Quattro medici del pronto soccorso dell’ospedale Garibaldi centro di Catania sono stati iscritti nel registro degli indagati per concorso in omicidio colposo. Il giovane metronotte, sposato e con due figli, lavorava nello stesso nosocomio.
Dopo la denuncia presentata dagli avvocati Alfredo Spitaleri e Sandra Casella per conto dei familiari, l’autopsia è stata eseguita ieri. Per l’accusa, i medici nel visitarlo non gli avrebbero diagnosticato un ospedale_garibaldi_vecchio_ctproblema cardiaco. I primi sintomi, Manna li ha denunciati mentre era al lavoro. I forti dolori al petto gli erano cominciati all’ingresso del pronto soccorso del Garibaldi. Dopo essere stato dimesso, poche ore dopo è ritornato per il persistere dei sintomi. Poi, è stato nuovamente dimesso con una diagnosi di ‘recidiva di pericardite’ con una terapia domiciliare. All’alba del giorno dopo, nuova visita al pronto soccorso con il trasferimento all’ospedale Ferrarotto dove è morto dopo 11 giorni. Sono in corso le indagini e gli accertamenti ordinati dalla Procura.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook