LAVORATORI TECNIS CHIEDONO STIPENDI ARRETRATI

LAVORATORI TECNIS CHIEDONO STIPENDI ARRETRATI

Continua la protesta davanti agli uffici dell'azienda dei dipendenti Tecnis, chiedono le mensilità arretrate e fin ora non corrisposte. Anche i lavoratori del cantiere Ospedale San Marco e delle aziende collegate si uniscono allo sciopero.

 

 

LAVORATORI TECNIS CHIEDONO STIPENDI ARRETRATI –

Lavoratori Tecnis. Da oggi scioperano anche i lavoratori impegnati nel cantiere dell’ospedale San Marco e quelli di tutte le aziende collegate Tecnis. Quindi, ai manifestanti del cantiere Fce si aggiungono gli altri lavoratori in sciopero da questa mattina e così la vicenda Tecnis si complica ulteriormente. Si rafforza la protesta organizzata di fronte gli uffici Tecnis di via Almirante 23 e questa aumenta il numero di lavoratori che incrociano le braccia assume un valore ancora più simbolico. Ai lavoratori non sono stati pagati gli stipendi di settembre, ottobre 2015 e gennaio 2016 così come gli arretrati di versamenti in cassa edile per i mesi che vanno da luglio ad ottobre scorsi.
Il segretario generale di Fillea Cgil di Catania, Giovanni Pistorio interviene in merito alla vicenda: “I lavoratori sono arrivati al limite della sopportazione. Fino ad oggi hanno scelto di agire responsabilmente, senza danneggiare lavori e collettività. Adesso chiedono altrettanto senso di responsabilità e pari capacità di intervento alle istituzioni ed agli enti appaltanti; questi ultimi in particolare potrebbero pagare direttamente i lavoratori attivando i cosiddetti “poteri di surroga” e le istituzioni potrebbero creare le condizioni affinché questo sia possibile”. Il delegato sindacale continua: “Ci riferiamo in particolare alla Tecnis-spa-Catania_controlliPrefettura di Catania, che potrebbe facilitare concretamente questi passaggi Chiediamo maggiore attenzione anche da parte del sindaco di Catania e della Regione, che potrebbero intervenire in quanto enti interessati alla realizzazione, ad esempio, dell’ ospedale San Marco”.
Intanto i lavoratori non hanno ricevuto ancora alcuna risposta sul loro destino di dipendenti a breve e medio termine e sono molto preoccupati.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook