Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: RITI VOODOO E PROSTITUZIONE, FERMATA NIGERIANA

CATANIA: RITI VOODOO E PROSTITUZIONE, FERMATA NIGERIANA

Sotto la minaccia di superstizioni tribali, nigeriana 27enne induceva a prostituirsi una connazionale minorenne arrivata in Sicilia clandestinamente e sfruttata dalla donna.

 

 

 

CATANIA: RITI VOODOO E PROSTITUZIONE, FERMATA NIGERIANA –

Catania. La cifra fissata per la libertà della minorenne erano 35 mila euro. Dopo averla fatta sottoporre a rito voodoo noto come ‘Ju-Ju’ in Nigeria, aveva organizzato il viaggio da clandestina in Sicilia della sua connazionale di 17 anni. L’intento era quello di farla prostituire nel nostro Paese. Sandra Davide, 27 anni, è stata arrestata dalla polizia in un pase della provincia di Venezia con l’accusa di tratta di essere umani. Gli agenti di Catania, in collaborazione con i colleghi della questura di Venezia hanno eseguito un provvedimento restrittivo su richiesta della Procura di Catania ed emesso dal gip del capoluogo etneo nei confronti della 27enne nigeriana. La minorenne nel 2015, era stata adescata in Nigeria con la promessa di un lavoro in Europa in cambio di un pagamento di 35 mila euro. Era stata circuita con riti tribali, che prevedono la

La 'madame' arrestata dalla polizia Sandra Davide 27 anni

La ‘madame’ arrestata dalla polizia Sandra Davide 27 anni

minaccia del verificarsi di eventi negativi, come una grave malattia o la morte della giovane o dei suoi familiari, in caso di mancato rispetto dell’impegno. A giugno del 2015, la 17enne era riuscita a sbarcare a Catania e presa in ‘consegna’ dalla connazionale Sandra Davide, che ne assumeva il ruolo di ‘madame’. La ragazzina era stata prelevata da alcuni connazionali che l’avevano trasferita, attraverso un viaggio nel deserto, in Libia, Paese dal quale era partita, dopo svariati mesi, a bordo di un gommone. La Davide, dopo le indagini coordinate dalla Procura distrettuale di Catania, è stata rintracciata in provincia di Venezia. Dopo la notifica del provvedimento è stata tradotta nel carcere della Giudecca a Venezia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook