VERTENZA MYRMEX: PROTESTA DEI LAVORATORI

VERTENZA MYRMEX: PROTESTA DEI LAVORATORI

Volevano tenere un'assemblea, ma hanno trovato gli ingressi sbarrati. I ricercatori Myrmex licenziati protestano davanti ai cancelli del laboratorio della zona industriale.

 

 

 

VERTENZA MYRMEX: PROTESTA DEI LAVORATORI –

Vertenza Myrmex. Sindacati e i ricercatori licenziati dalla Myrmex protestano davanti ai cancelli del laboratorio della zona industriale di Catania dell’azienda. Gli ex dipendenti hanno chiesto di poter tenere un’assemblea all’interno dei locali dell’azienda, ma hanno trovato i cancelli chiusi. I sindacati in una nota spiegano: “non si sono presentati i dirigenti della società che hanno inviato i telegrammi di preavviso di licenziamento tre giorni fa, con un eccesso di zelo non previsto dalla procedura”. I segretari di Filctem Cgil Margherita Patti e Cgil Peppe D’Aquila, in una nota intervengono: “Se qualcuno pensa che attraverso i licenziamenti ci si libera dei lavoratori fa un grande errore Non intendiamo subire questo scippo. Facciamo nostro l’hashtag dei lavoratori #lamyrmexènostra. Ne rilanciamo un altro: #bastachiacchiere. La Regione faccia valere la delibera di giunta per riprendersi il centro ed avviamo subito un tavolo di trattativa per cederlo alla cooperativa che i lavoratori hanno costituito. Loro sono disposti a investire nell’operazione lo stesso prezzo che ha pagato l’Ad della Myrmex, a Pifizer nella cessione del ramolavoratori_myrmex d’azienda”. Ancora i rappresentanti sindacali precisano: “Il centro di ricerca ha enormi potenzialità e i lavoratori costruiranno alleanze con le università, altri centri di ricerca e con il Miur. Saranno in grado di dimostrare tutte le potenzialità che un centro come questo può esprimere. In conclusione Cgil e Filctem aggiungono: “Chi vuole depredare il territorio per poi scappare con il bottino deve fare i conti con la lotta dei lavoratori che non consentiranno questo scempio. Le istituzioni riflettano e si assumano le loro responsabilità l’immobilismo puzza di complicità”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook