Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MESSINA: OPERAZIONE ANTIMAFIA, 13 ARRESTI

MESSINA: OPERAZIONE ANTIMAFIA, 13 ARRESTI

Nel corso dell’operazione è stato decapitato il clan di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono scattate le manette per mandanti ed esecutori di 17 delitti compiuti tra il 1993 e il 2012. Per il boss Gullotti che commissionò l'omicidio del giornalista Beppe Alfano sono spuntate nuove accuse. I NOMI DEGLI ARRESTATI

 

 

 

MESSINA: OPERAZIONE ANTIMAFIA, 13 ARRESTI –

Messina. Scattata un’operazione antimafia condotta dai carabinieri del Ros coadiuvati dal comando provinciale di Messina. Stamane alle prime luci dell’alba, i militari dell’Arma stanno eseguendo 13 ordinanze di custodia cautelare in carcere in relazione a 17 omicidi, compreso quello del giornalista Beppe Alfano, compiuti tra il 1993 e il 2012 in provincia di Messina. La procura distrettuale antimafia di Messina ha avviato le indagini sulla famiglia mafiosa di Barcellona Pozzo di Gotto. Gli accertamenti hanno consentito di individuare mandanti ed esecutori di una lunga serie di delitti. L’inchiesta, ha tratto giovamento grazie anche al contributo di alcuni collaboratori di giustizia. Gli investigatori precisano che le delazioni “hanno consentito di individuare il movente dei numerosi fatti di sangue, alcuni dei quali particolarmente crudeli”. E’ chiaro che il movente è: “riconducibile alla necessità del sodalizio mafioso di mantenere a ogni costo il controllo del territorio”. Tra i destinatari delle ordinanze anche Giuseppe Gullotti, già condannato per l’assassinio del giornalista antimafia Giuseppe Alfano, ucciso in un agguato l’8 gennaio 1993.
La procura ha ipotizzato nuove accuse per il mandante dell’omicidio alfano, che risulta essere il boss Giuseppe Gullotti, già condannato per l’uccisione del giornalista Beppe Alfano. L’agguato al cronista, avvenuto la sera dell’8 gennaio 1993, non rientra tuttavia tra i 17 delitti sui quali gli investigatori hanno scoperto. Attualmente, Gullotti sta scontando una condanna definitiva a trent’anni di reclusione come mandante dell’omicidio Alfano. Il nuovo ordine di custodia cautelare gli è stato notificato in carcere.
Le indagini su Giuseppe Gullotti, che avrebbe consegnato a Giovanni Brusca il telecomando utilizzato per la strage di Capaci, hanno consentito in passato di scoprire nel Messinese anche la loggia segreta Corda Fratres della quale facevano parte massoni, mafiosi e politici. Inoltre, alcuni collaboratori di giustizia hanno accusato il boss di avere avuto un ruolo in altri episodi di sangue avvenuti a Barcellona Pozzo di Gotto.
La procura di Messina attraverso l’inchiesta Gotha 6 avrebbe scoperto delitti, tra cui un triplice omicidio e un tentativo di omicidio che, nell’arco di quasi un ventennio, hanno contrassegnato le dinamiche criminali della “famiglia barcellonese”, una emanazione tra più temibili e organizzate della mafia in provincia. Inoltre, l’organizzazione criminale manteneva rapporti qualificati con cosa nostra di Palermo e Catania e con la ‘ndrangheta calabrese. Con le dichiarazioni dei collaboratori e attraverso complesse attività investigative di riscontro particolarmente accurate, percarabinieri_ros gli inquirenti è stato possibile individuare gli autori e ricostruire movente e modalità esecutive, di una serie di omicidi, talvolta avvenuti con estrema ferocia.
I delitti che l’inchiesta avrebbe accertato sono riferiti a Sergio Raimondi, Giuseppe Martino, Giuseppe Geraci; Domenico Pelleriti, Salvatore Da Campo, Carmelo Grasso, Felice Iannello, Fortunato Ficarra, Mario Milici, Antonino Sboto, Giovanni Catalfamo, Nuziato Mazzù, Domenico Tramontana, Giovanni Di Paola Carmelo De Pasquale, Giovanni Isgrò, Carmelo Mazza. Carmelo Giambò nel corso dell’agguato è sfuggito ai proiettili dei killer.
I nomi degli arrestati durante l’operazione antimafia Gotha 6 che si è svolta nel messinese sono:
Antonino Calderone, nato a Barcellona Pozzo di Gotto (Me) il 27.05.1988; Angelo Caliri, nato a Barcellona Pozzo di Gotto il 21.04.1967 è stato arrestato a Bruxelles in collaborazione con la polizia belga, in esecuzione di un mandato di arresto europeo del Gip di Messina; Pietro Nicola Mazzagatti, nato a Santa Lucia del Mela (Me) il 6.12.1960; Tindaro Calabrese, nato a Novara di Sicilia (Me) il 3.9.1973; Antonino Calderone, nato a Barcellona Pozzo di Gotto il 18.08.1975; Domenico Chiofalo, nato a Barcellona Pozzo di Gotto il 30.09.1985; Salvatore Chiofalo, nato a Barcellona Pozzo di Gotto il 26.9.1989; Salvatore Di Salvo, inteso Sam, nato a Toronto (Canada) l’8.3.1965; Carmelo Giambò, nato a Barcellona Pozzo di Gotto il 23.07.1971; Giuseppe Gullotti, nato a Barcellona Pozzo di Gotto il 10.10.1960; Aurelio Micale, nato a Barcellona Pozzo di Gotto il 30.4.1978; Giovanni Rao, nato a Castroreale (Me) il 20.4.1961; Carmelo Salvatore Trifirò, nato a Barcellona Pozzo di Gotto l’11.5.1972.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook