ARS: PRIMA CONDANNA PER SPESE INGIUSTIFICATE

ARS: PRIMA CONDANNA PER SPESE INGIUSTIFICATE

Condannato dalla Corte dei conti l'ex capogruppo dell'Mpa Musotto. La motivazione: utilizzo ingiustificato dei fondi. Il parlamentare dovrà risarcire la Regione per una somma di seicentomila euro.

 

 

 

ARS: PRIMA CONDANNA PER SPESE INGIUSTIFICATE –

Ars. Il procedimento si è svolto davanti ai giudici contabili ed è balzato subito fuori, dopo un’indagine del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Palermo. Il caso riguardava la precedente legislatura 2008-2012. Così i giudici della Corte dei Conti, presieduta da Luciana Savagnone, hanno condannato l’ex capogruppo dell’Mpa Francesco Musotto a risarcire la Regione Siciliana di 589 mila euro per le spese ingiustificate con i fondi del gruppo parlamentare rappresentato all’Ars. Tra le somme contestate anche 45 mila euro che, l’ex presidente della Provincia di Palermo, avrebbe consegnato in contanti a Raffaele Lombardo, allora leader dell’Mpa. Circostanza questa che l’ex presidente della Regione aveva negato. Intanto contestata a Musotto anche una spesa da 4.700 euro per un banchetto a Villa Alliata del 18 ottobre 2010. La procura della Corte dei conti ha attribuito all’esponente politico musotto_francescoanche la spesa di 80 mila euro per la sede dell’Mpa in via Libertà, a Palermo, e di altri 22 mila euro per i viaggi in giro per la Sicilia a bordo di un’auto Audi A6 l’ex commissario del partito ed ex senatore Enzo Oliva. Intanto, in questi giorni è atteso l’esito delle sentenze che riguardano altri esponenti politici accusati: l’ex capogruppo del Pd Antonello Cracolici, oggi assessore all’Agricoltura, Rudy Maira, Innocenzo Leontini, Giovambattista Bufardeci, Dino Fiorenza e Cateno De Luca.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook